Università, tra tre mesi 950 posti letto e la mensa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3159

L’AQUILA. I risultati della Conferenza dei Servizi sulla Residenzialità Studentesca di venerdì scorso aprono prospettive incoraggianti per gli studenti universitari aquilani.


Il rettore dell'Università degli Studi dell'Aquila, Ferdinando di Orio, aveva scritto nei giorni scorsi al presidente della Repubblica per denunciare la situazione gravissima degli studenti universitari aquilani, privi di alloggi e di servizi mensa adeguati.
I risultati della Conferenza dei Servizi sulla Residenzialità Studentesca, svoltasi venerdì scorso e alla quale hanno partecipato rappresentanti della Protezione civile, della Regione, del Comune, dell'Azienda per il Diritto allo Studio e dell'Università, sembrano segnare una significativa inversione di tendenza nell'approccio a queste problematiche.
«Abbiamo registrato con soddisfazione», ha spiegato il rettore di Orio, «gli impegni assunti dalla Protezione Civile, dalla Regione e dal Comune. Credo che i nostri studenti possano ora guardare con maggiore serenità al periodo di studio che si accingono a vivere nella nostra Università e nella nostra città».
La conferenza dei Servizi ha stabilito, infatti, che entro tre mesi sarà destinata agli studenti la caserma Campomizzi (450 posti letto, impegno assunto dalla Protezione Civile) e saranno realizzati moduli abitativi provvisori (500 posti letto, impegno assunto dal Comune dell'Aquila), mentre saranno realizzati nuovi servizi mensa in grado di rispondere alle esigenze della popolazione studentesca (impegno assunto dall'Adsu).
«Si tratta ora», ha concluso di Orio - «di fare in modo che questi impegni assunti nella Conferenza di Servizi, vengano mantenuti. Da parte nostra, pur non avendo specifiche competenze in materia, faremo fino in fondo il nostro dovere, vigilando sulle modalità e sui tempi di attuazione dei progetti messi in cantiere. Gli studenti, infatti, rappresentano per noi la principale preoccupazione istituzionale e i loro interessi saranno da noi tutelati in ogni sede».

03/11/2009 8.27