''Win for life'', quando la ricostruzione è una scommessa. A L'Aquila 36 mln

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

120722

L'AQUILA. Altro che tasse: sta andando più che bene il nuovo gioco della Sisal che destina parte dei guadagni alla ricostruzione post terremoto del capoluogo abruzzese.
Partita poco meno di un mese la lotteria sta dando grandi soddisfazioni alla Società ideatrice. Ammontano infatti a 157 i milioni di raccolta complessivi, 102 milioni di montepremi e 36 milioni di euro destinati all'Abruzzo.
Sono questi i numeri dei primi ventuno giorni di "Win for Life", il nuovo gioco targato Sisal che ha debuttato lo scorso 29 settembre.
La raccolta - come fa sapere Agipronews - ha superato i 7,5 milioni al giorno, con il picco fatto registrare nella giornata di sabato 3 ottobre, con incassi per 11,2 milioni. La massa premi ha raggiunto i 102 milioni di euro, mentre il 23% dell'intera raccolta, ovvero 36 milioni di euro, come da regolamento sara' devoluta interamente
a favore delle popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto.
Nei primi 21 giorni, Win for Life ha distribuito complessivamente 53 premi ventennali, suddivisi in questo modo: trentuno da 4 mila euro al mese, dodici da 2 mila euro, sei da 1.333 euro e quattro da 1.000 euro l'uno.
A festeggiare soprattutto le regioni del Sud (21 premi su 53, ovvero il 39,6 % del totale), dove spicca la Sicilia con addirittura 9 vitalizi.
A seguire le regioni del Nord con 18 vincite ventennali (il 34), mentre al
Centro sono andati 14 premi (26,4).
Ma a festeggiare è soprattutto l'Abruzzo che potrà beneficiare di un bel po' di soldi per la ricostruzione e guadagna il 23% di ogni euro giocato.
Sorte decisamente peggiore ha avuto nei mesi scorsi il gratta e vinci che avrebbe dovuto raccogliere fondi sempre per la ricostruzione abruzzese.
In quel caso il costo del biglietto era di 3 euro (giocare a Win for Life costa invece 1-2 euro) e il giocatore non partecipava per niente all'operazione di beneficenza.
Il consorzio lotterie nazionali versava contributi nella misura dell'1%, il rivenditore partecipava nella misura del 2%.
20/10/2009 12.40