La terra trema ancora. Sveglia con terremoto per gli aquilani

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3095

L’AQUILA. Una scossa di terremoto, di magnitudo 2.9, si e' verificata nell'aquilano alle 07.03 di stamani. Il distretto sismico e' quello della Valle dell'Aterno. * LA MAPPA DEI TERREMOTI IN TEMPO REALE





L'AQUILA. Una scossa di terremoto, di magnitudo 2.9, si e' verificata nell'aquilano alle 07.03 di stamani. Il distretto sismico e' quello della Valle dell'Aterno.


* LA MAPPA DEI TERREMOTI IN TEMPO REALE






In particolare, i Comuni prossimi all'epicentro sono stati Fagnano, Fontecchio, Fossa, Ocre, Poggio Picenze, Prata D'Ansidonia, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, San Demetrio ne' Vestini, Sant'Eusanio Forconese e Villa Sant'Angelo.
Secondo una prima ricognizione non ci sarebbero danni a persone o cose.
Ieri dopo tanto tempo non si era registrata nessuna scossa. Mercoledì, invece, una di magnitudo 3.5 era stata distintamente avvertita alle 21.52 nei pressi di Cassino.
Intanto si è deciso che verrà costituito all'Aquila, in sinergia con l'università, un centro di eccellenza per studiare e pianificare la ricostruzione nella maniera più efficace e corretta dal punto di vista antisismico.
La proposta è stata lanciata dalla Commissione nazionale paritetica delle Casse Edili (Cnce) che ha raccolto oltre un milione di euro grazie alla mobilitazione delle singole organizzazioni regionali in favore degli interventi post-sisma.
«Abbiamo scelto di fare questo incontro nel capoluogo abruzzese - ha spiegato il presidente della Cnce Armido Frezza in apertura del convegno nazionale alla caserma di Coppito - per testimoniare il nostro impegno concreto in favore della ricostruzione. Piuttosto che concentrarci su azioni di restauro o ripristino - ha aggiunto - abbiamo scelto di creare un centro di eccellenza dove gettare le basi per operazioni di costruzione o messa in sicurezza nella maniera più corretta dal punto di vista antisismico».
La Cnce propone un'azione formativa di tutta la filiera della ricostruzione per creare una sinergia sicura ed efficace.
«Ci appoggeremo all'università dell'Aquila - ha sottolineato Frezza - in particolare alla facoltà di ingegneria. Lavoreremo di concerto nelle loro strutture e, dove necessario, abbiamo le disponibilità per dotarci di nuovi locali».
Una proposta accolta con grande entusiasmo dal pro-rettore dell'università dell'Aquila, Roberto Volpe.
«Ogni edificio, ogni chiesa - ha detto - porteranno il segno di questo centro di eccellenza che servirà a monitorare le dotazioni antisismiche apportate alle costruzioni».

02/10/2009 10.25