Università L'Aquila, 600 posti letto da gennaio per gli studenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2005

L'AQUILA. Un projet financing per la realizzazione di 600 posti letto e' stato avviato dall'Universita' degli Studi dell'Aquila per la soluzione dei problemi residenziali degli studenti.



Sul problema della ricettivita' degli studenti, tuttavia, il Rettore dell'Ateneo, ferdinando Di Orio, ribadisce che «è una questione sulla quale l'Universita' non ha alcuna competenza, che invece e' attribuita per legge alla Regione e alle Aziende per il Diritto allo Studio».
A fronte, però, di quello che il rettore definisce «immobilismo degli enti preposti» si è deciso di avviare un project financing per la realizzazione di 600 alloggi per studenti universitari su terreni di proprieta' dell'Ateneo, stanziando allo scopo ben 5 milioni di euro.
Tale finanziamento gravera' sul fondo CIPE di 70 milioni di euro ed e' stato espressamente autorizzato dal Ministero.
«Fin dal mese di giugno - spiega il rettore di Orio - con successive delibere degli organi accademici, avevamo perseguito una strategia di attenzione verso il decisivo problema delle residenze universitarie».
Cosi' il 29 luglio, gli organi accademici avevano deliberato di destinare i 120 posti letto disponibili presso la ex Scuola Reiss Romoli all'Azienda per il Diritto allo Studio, da assegnare agli studenti con canoni di affitto a carico dell'Ateneo.
Questi posti letto a tutt'oggi non sono stati ancora assegnati agli studenti. Perdurando tale situazione, l'Ateneo ne affidera' la gestione ad una struttura esterna.
«Ci auguriamo che cio' non sia necessario - continua il rettore di Orio - perche' vorremmo privilegiare sempre le strutture pubbliche come l'Azienda per il Diritto allo Studio. Ma non possiamo piu' tollerare che le legittime richieste degli studenti vengano ancora ignorate, con il conseguente rischio di abbandono del nostro Ateneo».
Gli alloggi dovranno essere costruiti entro 3 mesi dall'aggiudicazione della gara d'appalto e si prevede che gli studenti potranno usufruire di 600 posti letto gia' a partire dal mese di gennaio 2010. «In questo modo - conclude il rettore di Orio - l'Universita' dell'Aquila dimostra concretamente la propria vicinanza nei confronti dei problemi degli studenti, che rappresentano problemi di tutto l'Ateneo e di tutta la citta'. Vorrei infine sottolineare come siamo riusciti, con uno sforzo di fantasia e di auto-progettualita', a superare le difficolta' politiche, burocratiche e finanziarie, che sembravano insormontabili, e ad indicare una strada innovativa che puo' rappresentare un esempio da seguire non solo per gli altri Atenei italiani ma, soprattutto, per la nostra citta' dell'Aquila».
11/09/2009 8.29