Dal Fondo Solidarietà Europea a disposizione 493 milioni di euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1632

L'AQUILA. Per L'Aquila e i comuni del cratere la Commissione Europea ha gia' messo a disposizione oltre 493 milioni di euro.

Si tratta del Fondo di Solidarieta' Europea, concesso ai comuni in grave stato di calamità.
Questo è quanto ha assicurato l'europarlamentare David Sassoli, capo delegazione Pd al Parlamento Europeo, intervenuto a L'Aquila, nel corso di un incontro convocato dalla presidente della Provincia Stefania Pezzopane, presso la sede dell'Ance.
L'iter in Commissione Europea e' iniziato lo scorso 23 luglio e il 2 settembre, nell'ambito della Commissione Bilancio, e' stato definitivamente confermato lo stanziamento di 493.771.159 euro.
Il voto conclusivo e' atteso per il 7 ottobre.
«Un ulteriore passaggio sara' quello del Parlamento Europeo, nella sessione plenaria del 20 ottobre. I fondi saranno disponibili gia' entro la fine dell'anno- ha commentato David Sassoli- Tuttavia la vera partita sara' quella della Zona Franca e dell'articolo 87.2B del Trattato Europeo, con cui la provincia dell'Aquila, potrebbe riavviare la ripresa economica e sociale e lo sviluppo del territorio. Per entrambi gli strumenti e' necessario che Governo e Regione Abruzzo facciano la loro parte. C'e' bisogno di fare sistema e coinvolgere le delegazioni italiane in Europa, perche' dall'emergenza si passi a una vera ricostruzione».
«Il Fondo di Solidarieta' rappresenta indubbiamente una boccata d'ossigeno per le tante imprese della nostra provincia, che stanno resistendo a denti stretti- ha commentato la presidente Pezzopane- Da questa riunione dovra' partire una raccolta di firme per il riconoscimento della Zona Franca per la provincia dell'Aquila. Un forte movimento affinche' tutti i cittadini siano coinvolti. Dopo il terremoto del '700 fu proprio il regime di porto franco, che il governo cittadino dell'epoca riconobbe, a far ripartire l'economia. Alla Regione chiediamo un incontro urgente, affinche' ci illustri lo stato della trattativa con l'Unione Europea per il riconoscimento della Zona Franca».

DA ABRUZZESI E MOLISANI ALL'ESTERO ALTRA SOLIDARIETA'

Nei giorni scorsi presso la tendopoli di Villa Sant'Angelo c'è stato un incontro tra i rappresentati dell'Associazione Abruzzo e Molise in Gran Bretagna, amministratori comunali locali e dirigenti dell'ASD Gran Sasso per la consegna di £. 4000 (circa 4. 800€) che il sodalizio, che da 20 anni unisce gli abruzzesi e molisani che vivono in Inghilterra, ha raccolto in favore dei terremotati dell'aquilano.
«Abbiamo scelto di aiutare questa comunità perché nei giorni del terremoto ci ha colpito la volontà di ricominciare che i giovani amministratori di Villa Sant'Angelo hanno immediatamente manifestato – ha detto Marfisi –. La nostra Associazione ha così voluto sostenere i ragazzi della Gran Sasso ai quali ci unisce l'amore per il rugby, sport ancora ricco di valori e per ricordare un giocatore della Gran Sasso, Riccardo Giannangeli, morto nella notte del 6 aprile a Villa Sant'Angelo. E' solo un primo contributo. In appresso ci consulteremo con il sindaco Pierluigi Biondi e ci adopereremo per appoggiare altre iniziative».

08/09/2009 8.32