L’accordo c’è, 7 mln per la nuova residenza universitaria

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1827

L’AQUILA. Il consiglio comunale dell’Aquila ha ratificato l’accordo di programma per la realizzazione di una residenza universitaria e la fornitura di moduli prefabbricati da utilizzare come scuola primaria. * DALL’UE AIUTI AGRICOLTURA. FINANZIAMENTI PER RIPARAZIONI CASE * IL DOCUMENTARIO, MONTEBELLO 3.32
L'accordo era stato sottoscritto, il 16 giugno scorso, tra il Commissario per la gestione dell'emergenza sisma Guido Bertolaso, la Regione Lombardia, che ha promosso l'iniziativa, la Regione Abruzzo, la Provincia dell'Aquila, il Comune dell'Aquila e l'Arcidiocesi dell'Aquila, proprietaria dell'area, in località Coppito, dove sorgerà la struttura universitaria, di cui ha ceduto il diritto di superficie.
La residenza universitaria occuperà un'area coperta di 2mila e 500 metri quadri, per una superficie utile totale di 4mila metri quadri. Saranno 120 i posti di cui disporrà la struttura, che sarà dotata di aree a verde pubblico, parcheggi e aree pavimentate per attività all'aperto.
La scuola primaria sarà invece costituita da tre moduli di strutture prefabbricate, ciascuno composto da 5 aule di 48 metri quadri ciascuna, oltre a un'aula polifunzionale di 72 metri quadri.
Il valore complessivo degli interventi ammonta a 7 milioni di euro, di cui 6 milioni e 300 mila per la residenza universitaria e 700mila per la scuola primaria. La copertura finanziaria è assicurata dal programma attuativo regionale 2007-2013 del Fondo aree sottoutilizzate della Regione Lombardia. Per l'attuazione degli interventi la stessa Regione Lombardia si avvarrà di “Infrastrutture Lombarde Spa”, in qualità di stazione appaltante, che avrà anche la supervisione e organizzazione dei lavori.
Il provvedimento è passato a maggioranza, con il voto contrario dei consiglieri D'Eramo (La destra), Perilli (Prc), Valentini (Pd) e Sciomenta (Udc) e l'astensione del consigliere Ludovici (Dc).
Durante i lavori è stata presentata una richiesta formale, che vede come primo firmatario il consigliere Emanuele Imprudente per il gruppo Mpa e la sottoscrizione di numerosi consiglieri, per un consiglio comunale straordinario sulle problematiche legate alla ricostruzione, con la presenza del Commissario Bertolaso.
Il consiglio, interrotto alle 14, è stato aggiornato alle 16.30. Alla ripresa pomeridiana non è stato però raggiunto il numero legale per la validità della seduta.

CIALENTE: “DELUSO PER MANCANZA NUMERO LEGALE”

Delusione per la mancanza del numero legale alla ripresa pomeridiana dei lavori al consiglio comunale è stata espressa dal sindaco dell'Aquila Massimo Cialente.
«Sono profondamente amareggiato – ha dichiarato il primo cittadino – Per l'ennesima volta le assenze tra i banchi dei consiglieri hanno impedito di lavorare su provvedimenti vitali per la nostra città e per la sua ricostruzione, come l'ordine del giorno, che non si è potuto discutere oggi, sull'inspiegabile e vergognosa decisione che ci vede dover ripagare le tasse dopo soli otto mesi dalla catastrofe che ci ha colpiti».
«Questa città – ha concluso Cialente – può ripartire solo con l'apporto serio e responsabile di tutte le componenti politico – istituzionali, a cominciare proprio dal consiglio comunale. Spero pertanto che sia l'ultimo incidente di percorso di questo tipo, a prescindere dalle motivazioni per le singole assenze».

14/07/2009 10.11

[pagebreak]


DALL'UE AIUTI AGRICOLTURA. FINANZIAMENTI PER RIPARAZIONI CASE


ABRUZZO. Sono 49 i comuni in provincia dell'Aquila, di Teramo e di Pescara che, in seguito al terremoto, potranno beneficiare degli anticipi per il 2009 sugli aiuti diretti.
La Politica agricola comune (Pac) li verserà agli agricoltori che si impegnano a rispettare severe regole in materia di produzione di qualità, di ambiente, di sanità e non ultimo di rispetto del benessere degli animali.
La decisione varata ieri, ma in vigore retroattivamente già dal 16 giugno 2009, autorizza l'Italia - che ne aveva fatto richiesta - a pagare prima del primo dicembre 2009 degli anticipi fino al 50% del pagamenti diretti europei di cui ha diritti il singolo agricoltore la cui azienda è situata nell'area colpita dal sisma dell'aprile scorso.
Questi i Comuni interessati.
Provincia dell'Aquila: Acciano, Barete, Barisciano, Castel del Monte, Campotosto, Capestrano, Caporciano, Carapelle Calvisio, Castel di Leri, Castelvecchio Calvisio, Castelvecchio Subequo, Cocullo, Collarmele, Fagnano Alto, Fossa, Gagliano Aterno, Goriano Sicoli, L'Aquila, Lucori, Navelli, Ocre, Ofena, Ovindoli, Pizzoli, Poggio Picenze, Prata d'Ansidonia, Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, San Demetrio né Vestini, San Pio delle Camere, Sant'Eusanio Forconese, Santo Stefano di Sessanio, Scoppito, Tione degli Abruzzi, Tornimparte, Villa Sant'Angelo, Villa Santa Lucia degli Abruzzi.
In provincia di Teramo: Arsita, Castelli, Montorio al Vomano, Pitracamela, Tossicia.
In provincia di Pescara: Frittoli, Bussi sul Tirino, Civitella Casanova, Cugnoli, Montebello di Bertona, Popoli, Torre dé Passeri.


FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER RIPARAZIONI CASE


L'AQUILA. Arrivano gli indirizzi operativi per l'utilizzo del credito d'imposta nel caso in cui i cittadini abruzzesi, colpiti dal sisma lo scorso 6 aprile, abbiano scelto di usufruire del contributo per la riparazione in forma di finanziamento agevolato.
Con un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate, pubblicato ieri, l'Agenzia stabilisce, infatti, le modalità di utilizzo del credito d'imposta nei casi di accesso ai finanziamenti agevolati per la riparazione dell'abitazione principale, previsti dall'ordinanza n. 3779 del Presidente del Consiglio dei Ministri.
Le banche erogheranno finanziamenti agevolati di durata ventennale, fino ad un limite massimo di 80mila euro, oltre agli eventuali oneri notarili, per la riparazione dell'abitazione principale.
L'invio delle comunicazioni - Il provvedimento stabilisce per i Comuni le modalità di trasmissione all'Agenzia delle Entrate, dei dati relativi ai contributi concessi e a quelli parzialmente o totalmente revocati.
Sono definite, inoltre, le modalità telematiche con cui le banche che erogano i finanziamenti trasmettono all'Agenzia delle Entrate i dati relativi ai finanziamenti stessi.
Il testo completo del Provvedimento è disponibile sul sito Internet dell'[url=http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/eb320207481876c/provv_abr_pdf.pdf]Agenzia delle Entrate[/url].

14/07/2009 10.11

[pagebreak]

IL DOCUMENTARIO, MONTEBELLO 3.32


VIDEO. Il dramma del terremoto non c'è stato solo a L'Aquila. Come centro più importante, ed anche più vicino e colpito, il capoluogo di regione giustamente è ininterrottamente al centro dei riflettori internazionali dal 6 aprile scorso, ma molte altre località hanno subito gravi danni e distruzioni, rimaste nell'ombra della grande tragedia.
Ed è di Montebello di Bertona, una di queste realtà, che parla il documentario di Lorenzo Dolce e Federica Iannacci, “Montebello 332, Lontano dai Riflettori”.
Il piccolo comune sul versante pescarese del Gran Sasso è fra i più colpiti della provincia, ed immediatamente si colgono le proporzioni dei danni dalla prima immagine del paese, il palazzo ducale che lo sovrasta ripegato su se stesso, e le tende negli spazi verdi.
Gli anziani del paese raccontano la paura che hanno provato, qualcuno prova a risalire agli anni 50 per trovare un evento sismico altrettanto devastante.
Sono tutti desiderosi di raccontare la loro storia, e forse è la prima volta che possono farlo davanti ad una telecamera.
Il sindaco prova a ricucire un paese che conta 28 famiglie evacuate, 21 abitazioni inagibili e tante vecchie case in rovina, si iniziano a fare i primi bilanci ed anche qui si prova a partire con la ricostruzione.
s.t.

"Montebello 332 - lontano dai riflettori" from Lorenzo Do on Vimeo.



Dal sito www.montebello332.tk

14/07/2009 10.11