Copertura del 100% per case distrutte. Legnini (Pd): «mancano soldi veri»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1553

L’AQUILA. La macchina governativa della ricostruzione va avanti: ci sono decine e decine di emendamenti al decreto Abruzzo da analizzare ed approvare entro la prossima settimana.



«Non possono esserci terremotati di serie A e terremotati di serie B», aveva contestato nei giorni scorsi il presidente della Provincia Stefania Pezzopane, chiedendo al Governo di istituire una copertura totale dei costi per chi ha perso una casa o dovrà ristrutturarla.
E così è stato, probabilmente anche grazie alla vicinanza con il turno elettorale.
Ieri il governo ha presentato un emendamento in cui si chiarisce che lo Stato pagherà il 100% della ricostruzione o della riparazione delle case colpite dal terremoto.
Il decreto legge 'Abruzzo' viene dunque corretto in corsa dal governo, così come annunciato.
E' però ancora attesa sul fronte delle cosiddette coperture: la misura infatti non presenta alcuna indicazione, che però dovrebbe arrivare entro oggi, quando inizieranno le votazioni in commissione Ambiente al Senato.
Le risorse sono di competenza del ministero dell'Economia.
Il Partito democratico non è però soddisfatto: è stato fatto un passo in avanti, attacca il senatore del Pd Giovanni Legnini, ma «mancano i soldi».
Venti le novità in tutto che sono arrivate ieri al decreto, nove a firma del governo e undici del relatore. Ecco cosa è cambiato:

CONTRIBUTI PER LA PRIMA CASA: lo Stato pagherà al 100% la ricostruzione ma anche la riparazione o l'acquisto di un alloggio equivalente a quello andato distrutto, purché si tratti della prima casa. La concessione dei contributi avviene anche «con le modalità del credito d'imposta e di finanziamenti agevolati garantiti dallo Stato».

ARRIVA TETTO A MUTUI: lo Stato potrà subentrare nei mutui delle persone che hanno subito danni dal terremoto, qualora dovessero richiederlo, per un importo massimo di 150.000 euro. In contemporanea la proprietà dell'immobile passa a Fintecna.

VERIFICHE ANTISISMA: un emendamento del governo restringe il campo dei controlli, ma presto arriverà una nuova modifica che consente di tornare al testo originario che prevede verifiche su "immobili, strutture e infrastrutture».

COMUNI POTRANNO RICOMPRARE AREE: entro tre anni dall'entrata in vigore della legge di conversione del dl, 'i Comuni possono riacquistare da Fintecna i diritti di proprietà delle aree oggetto della cessione e non ancora edificate.

CAMPUS SOLO PER RESIDENTI: i «moduli abitativi destinati a una durevole utilizzazione», vale a dire i campus, potranno essere consegnati solo ai residenti e a coloro che hanno il domicilio.

DA SINDACI PIANI PER CENTRI STORICI: i primi cittadini potranno predisporre «piani di ricostruzione del centro storico delle città».

COMPENSAZIONE A SARDI PER G8 DA SOLDI LOCALI: il completamento delle opere in cantiere ma anche di quelle programmate in Sardegna per il G8 saranno portate a termine utilizzando risorse della Regione e degli enti locali.

ARRIVA GIUSTIZIA ON-LINE : le notifiche per i processi civili e penali potranno arrivare via mail. Chi in futuro preferirà la carta, pagherà di più.

SPUNTA IL REINTEGRO PER GENERALI IN PENSIONE: innalzamento di un anno dell'età in cui i generali della Guardia di finanza,ruolo aeronavale, possono lasciare il servizio: il limite sale da 62 anni a 63.

NUOVO PERSONALE PER PROTEZIONE CIVILE: concorsi pubblici per 50 unità, di cui la metà contratti a termine, e trasferimenti: la protezione civile viene autorizzata a rafforzare il proprio personale.

14/05/2009 9.33