Si pensa al futuro dell’ospedale, Marzetti: «danni da calcolare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4275

L’AQUILA. «Non ci sono danni significativi nei tre piani interrati dell'ospedale dell'Aquila, mentre vi sono delle lesioni visibili nei due piani in superficie».

Lo ha reso noto Roberto Merzetti, direttore generale dell'Asl dell'Aquila, durante l'audizione davanti alla commissione d'Inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Sistema sanitario nazionale.
«Saranno le ispezioni - ha spiegato - ad accertare la reale entità dei danni. Attualmente sono stati posti sotto sequestro i pilastri del pronto soccorso e il blocco operatorio».
Merzetti ha mostrato alla commissione, presieduta da Ignazio Marino (Pd), le foto delle lesioni e dello stato dell'ospedale, precisando che nel «2003 la commissione grandi rischi della Protezione civile aveva considerato idonea la struttura anche dal punto di vista sismica - ha aggiunto - così come a suo tempo fecero i collaudatori negli anni '80. Del resto nell'ospedale non c'é stato nessun ferito per crolli di macerie. Ora occorrerà fare una spedizione puntuale di tutta la struttura in base alla nuova normativa anti-sismica».
Il direttore della Asl ha infine fatto sapere che il 5 maggio alle 11 sarà premiato il personale sanitario che ha lavorato durante il terremoto, fin dai primi momenti, nell'ospedale dell'Aquila per curare i primi feriti.
«Speriamo di non dimenticare o escludere nessuno - ha concluso - dei tanti medici, infermieri e operatori che si sono impegnati. Molti di quelli che non sono riusciti a raggiungere l'ospedale quella mattina hanno aiutato la Protezione civile o direttamente nei campi».

INCONTRO CON GINO STRADA

Sempre ieri la presidente della Provincia, Stefania Pezzopane, ha incontrato Gino Strada di Emergency.
«Sul futuro dell'ospedale aquilano», ha detto Pezzopane, «è necessario e urgente che Regione, ASL e Ministero si incontrino con Provincia e Comune, attori istituzionali del territorio, con cui vanno concertate tutte le scelte attinenti alla ricostruzione. Guai a chi pensa di tener fuori gli enti locali da scelte strategiche, come questa».
Alla riunione hanno preso parte anche il sindaco Massimo Cialente, il direttore sanitario Giovanna Nicolucci, il direttore amministrativo della ASL Sabrina Di Pietro, il direttore della Carispaq, Rinaldo Tordela, Mauro Tursini dell'Ufficio tecnico ASL e alcuni medici, tra cui il consigliere comunale Antonello Bernardi.
Gino Strada ha chiesto informazioni sullo stato di salute dell'ospedale aquilano.
«Noi di Emergency siamo in grado, nelle zone di guerra, di realizzare un ospedale in due anni, con costi contenuti- ha detto Strada- Ma siete voi a dover decidere se ricostruire o ristrutturare. Questa è una scelta che compete al territorio».
«L'occasione di avere un confronto con Gino Strada è unica, perché ci offre un punto di vista competente e professionale – ha proseguito la presidente - È quello che ci serve. La questione non può essere gestita con approssimazione. Dobbiamo agire su due fronti. Gestire l'emergenza e pensare al futuro ospedale, che dovrà rimanere a L'Aquila. Nessuno pensi di approfittare di questa terribile tragedia, che ha visto un'intera comunità privata di una delle strutture essenziali, per espropriarci dell'ospedale. Nessuno pensi di poterne fare uno spezzatino».

CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO

La commissione garanzia e controllo ha chiesto invece la convocazione con procedura d'urgenza di un consiglio comunale per far fronte alle emergenze in atto.
«Le gravissime situazioni che si sono determinate - ha detto il presidente Lombardi - ci costringono a convocare un consiglio urgente al fine di ribadire l'importanza della presenza di quest'organo nelle fasi di ricostruzione».
«Se è vero - ha sostenuto Lombardi - che la priorità va alla salvaguardia delle incolumità personali, è importante vigilare sulle procedure di recupero dei beni culturali cittadini». Altro punto è la scelta da parte della Protezione civile delle 15 aree su cui ricostruire.

DISPOSIZIONI PER CRESIME E MATRIMONI

A causa dei danni provocati dal sisma alla maggior parte delle chiese dell'Arcidiocesi, quest'anno le Cresime e le Prime Comunioni verranno celebrate per tutte le Parrocchie nella Piazza d'Armi della Scuola della Guardia di Finanza di Coppito rispettivamente il 31 maggio (Solennità di Pentecoste) e il 14 giugno (Solennità del Corpus Domini).
Ogni Parroco avrà la facoltà di scegliere se partecipare o meno alla grande celebrazione diocesana. Per coloro che non parteciperanno, qualora le chiese non fossero agibili, l'Arcivescovo dà la facoltà di celebrare all'aperto nell'ambito del territorio parrocchiale, rispettando tutte le norme liturgiche, fino a nuova decisione. Tutto questo vale anche per la celebrazione dei Matrimoni, degli altri Sacramenti, delle Feste Patronali e delle Esequie.

PROBLEMI ANCHE A CHIETI

Intanto a Chieti ieri il sindaco Francesco Ricci, ha emesso altre quattro ordinanze di temporanea inagibilità relative ad altrettanti edifici: uno privato, due chiese - una in periferia (S. Bartolomeo) e una nel centro storico (S.Giovanni Battista) - e gli uffici dell'Agenzia culturale della Regione Abruzzo dove si è verificato il crollo parziale di un controsoffitto.
Per tre di esse i provvedimenti fanno seguito a sopralluoghi che hanno evidenziato lesioni e fessurazioni riconducibili al terremoto del 6 aprile scorso. Le ordinanze prevedono che vengano effettuati interventi e verifiche statiche sugli immobili.

30/04/2009 9.53

[pagebreak]

TUTTI I NUMERI DI TELEFONO PER L'EMERGENZA TERREMOTO

Ecco una rubrica con tutti i numeri utili per chiedere informazioni, documenti, sopralluoghi:

E' stato riattivato l'ufficio per il Commercio del Comune dell'Aquila, nella sede di sempre, e cioè in via Scarfoglio, presso il comando dei vigili urbani. Il recapito telefonico è lo 0862-645818.

Per il censimento – cioè dove poter comunicare i propri dati e l'attuale dimora temporanea – sono 0862-645822 oppure 0862-645829.

Per contattare l'anagrafe del Comune dell'Aquila si può comporre lo 0862-645836 oppure 0862-645837. Anche questi uffici sono stati dislocati nel comando di polizia municipale.

Settore economico finanziario, centro direzionale Strinella 88, presso la Carispaq, telefono 335-258164.

Presidenza del Consiglio comunale dell'Aquila, tendopoli di piazza d'Armi, tel 334-7683162.

Direzione generale, scuola materna “Collodi” di via Aldo Moro, tel. 0862-412470.

Segretaria generale, ufficio arrivi e protocollo, comando dei vigili urbani in via Scarfoglio, tel. 0862-645826.

Ufficio elettorale, tenda posta a fianco del comando in questione; i servizi diritto allo studio, sociale, cultura, casa, suap e urbanistica sono operativi nella scuola materna di San Francesco, in via Moscardelli, tel. 0862-28616.

Il settore Opere pubbliche al Com 1, nella scuola materna di via Scarfoglio (tel. 0862-61857), e in alcuni locali messi a disposizione dall'Ance, in via De Gasperi.

Rimane invariato il centralino della polizia municipale, 0862-645840.

Per segnalare disagi, danni o pericoli, richiedere interventi, nelle località colpite dal terremoto:
800 860 146 - sede operativa Protezione Civile Regione Abruzzo
800 861 016 - sede operativa Protezione Civile Regione Abruzzo

Per la ricerca e l'offerta di alloggi:
0862 31 4311
0862 33 6492

Per aziende, associazioni, distributori e farmacisti disponibili a fornire farmaci:
800 571 661 – Agenzia Italiana del Farmaco
fax 06 5978 4214
sisma@aifa.gov.it

Per informazioni sulle persone che sono state ricoverate negli ospedali del Lazio
per l'assistenza sanitarie agli sfollati a Roma e nel Lazio
per informazioni al personale medico e sanitario
per indicazioni sulle donazioni di sangue:
800 118 800 - Ares 118 Lazio

Per prenotare il servizio di trasporto pubblico nel comune de L'Aquila:
800 366 999 – Ama, azienda di mobilità aquilana

Per le emergenze veterinarie, l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise “G.
Caporale” ha predisposto i seguenti numeri:
Numero verde da fisso e cellulari TIM: 800 08 22 80
Numero diretto da altri operatori mobili: 0861 315 500
Numero di fax: 0861 332 310
Indirizzo e-mail: terremotovet@izs.it

I Vigili del Fuoco per il recupero dei beni nelle abitazioni hanno istituito a L'Aquila dei punti di riferimento mobili o Unità di crisi locale:
- presso la Fontana luminosa,
- in via XX Settembre (all'altezza di palazzo di Giustizia),
- Porta Napoli
- Zona Torrione (in Via Moscardelli)
- Zona Porta Leone (Via Strinella)
- in via Amiternum (quartiere di Pettino, nei pressi dell'incrocio con via Piccinini).

Per informazioni: 085-2950130 oppure 085-2950153

A questi si aggiungono i tradizionali numeri per l'emergenza:

Vigili del Fuoco 115, Emergenza sanitaria 118, Polizia 113, Carabinieri 112, Guardia di Finanza 117, Corpo Forestale dello Stato 1515, Capitanerie di Porto 1530, CCISS Viaggiare informati 1518

RIATTIVAZIONE GAS METANO NELLE ABITAZIONI AGIBILI. I proprietari delle abitazioni che sono state dichiarate agibili – per il momento solo 307 – possono prendere le informazioni finalizzate a ottenere la riattivazione dell'erogazione del gas metano.
I numeri da contattare della “Linea Amica Abruzzo”, che risponderà a tutti i quesiti sull'argomento, sono i seguenti: Da telefono fisso e cellulare 06/84892803 dalle ore 9.00 alle ore 18.00. Servizio attivo anche sabato, domenica e festivi. Il numero è raggiungibile anche dai cellulari secondo il piano tariffario da telefono fisso numero verde 803001 dalle ore 9.00 alle ore 18.00 dal Lunedì al Venerdì da cellulare a pagamento 06/828881

ACI. L'Aci ha una propria postazione mobile posizionata davanti al Centro commerciale "L'Aquilone". Vengono forniti i seguenti servizi: informazioni su tutte le formalità riguardanti il Pubblico registro automobilistico (Pra); informazioni sulle tasse automobilistiche; riscossione tasse automobilistiche; rinnovo patenti; associazione all'Aci; informazioni assicurative e polizze (Sara Assicurazioni). Questi i recapiti telefonici: 366/6023958 oppure 366/6023961.

DISPONIBILITA' ALLOGGI A LAVAGNA. L'amministrazione comunale di Lavagna (Genova) ha reso noto, tramite il consigliere comunale dell'Aquila Gino Di Carlo, che sono disponibili alcuni alloggi in quella città. Per informazioni, si può chiamare il 335-5653595 opppure i numeri fissi 018-5390045, 018-539529.


30/04/2009 9.54