272 morti, Chiodi: «7 mila posti in hotel». Evacuato condominio Chieti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8475

LA DIRETTA DEL POMERIGGIO. * I NOMI DELLE PERSONE CHE NON SI TROVANO: SE HAI NOTIZIE CHIAMA  * LA CRONACA DELLA MATTINA  * LA MAPPA DEI TERREMOTI IN TEMPO REALE * I NUMERI PER RENDERSI UTILI * LA MAPPA DEI LUOGHI COLPITI







LA DIRETTA DEL POMERIGGIO.
* I NOMI DELLE PERSONE CHE NON SI TROVANO: SE HAI NOTIZIE CHIAMA 
* LA CRONACA DELLA MATTINA
 * LA MAPPA DEI TERREMOTI IN TEMPO REALE


* I NUMERI PER RENDERSI UTILI
* LA MAPPA DEI LUOGHI COLPITI




L'AQUILA. 267 morti, di cui 16 bambini, 11 dispersi, 1.000 feriti (100 in gravi condizioni). 25 mila gli sfollati, 17 mila nelle tendopoli, 8 mila sistemati in 171 hotel della costa. Oltre 8.500 soccorritori al lavoro da 72 ore.
Continuano le ricerche degli ultimi corpi. Mancano all'appello 3 studenti schiacciati dalle macerie della Casa dello Studente. Intanto Eleonora, la ragazza di 21 anni di Rimini estratta viva sotto le macerie dopo 42 ore di agonia, è in rianimazione.
Ieri sera il suo salvataggio è parso quasi un miracolo e ha dato nuove speranze ai soccorritori che da ore stanno scavando nella provincia dell'Aquila.
Eleonora riposa in uno dei nove posti letto della Rianimazione generale, sedata e intubata per evitare ulteriori sofferenze al suo fisico già provato dalla permanenza sotto le macerie.
Le sue condizioni sono giudicate «a rischio».
Nel corso della notte ha trascorso lunghe ore in sala operatoria, fino alle 4.30: particolarmente gravi sono le condizioni della gamba destra e del braccio sinistro. Ma adesso é lì, in Rianimazione, accanto ad altri sei pazienti provenienti dal luogo del disastro e come lei soccorsi in condizioni disperate e quasi in extremis.
Eleonora nel momento del ritrovamento era incastrata in una sorta di nicchia formata dai pilastri di cemento armato che le ha consentito di sopravvivere anche alle ulteriori scosse che ci sono state dalla notte di domenica.
La ragazza era stata individuata verso le 19,30 di ieri sera, poco prima della forte scossa che ha messo di nuovo paura alla città.
«Quando l'abbiamo individuata - racconta Bruno, il vigile del fuoco che l'ha estratta - abbiamo puntellato le macerie per evitare che ci franassero addosso. Lei era cosciente e ci parlava durante tutte le operazioni di soccorso».
Sono oltre mille i feriti che sono scampati alla morte. Per un centinaio di loro, però, le condizioni vengono definite critiche.



15.00. COMMISSIONE GRANDI RISCHI

La commissione nazionale Grandi Rischi si riunirà oggi per valutare i fenomeni in corso. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, nella conferenza stampa con il premier Silvio Berlusconi, all'Aquila. «Non si è mai detto che non ci sarebbero state altre scosse - ha aggiunto rispondendo ad una domanda sugli sciami sismici registrati in questi giorni - si è sempre detto che non si possono prevedere né per luogo né per tempo».

15.07. AD AVEZZANO RICOVERATE 87 PERSONE IN 48 ORE

Ottantasette ricoverati nell'arco di circa 48 ore: è l'eccezionale sforzo sostenuto dall'ospedale di Avezzano per l'emergenza sisma nella provincia dell'Aquila. La direzione sanitaria del presidio ha mobilitato a pieno organico tutto il personale per rispondere alla richieste di soccorso e cura dei terremotati.



15.10 LA VAL VIBRATA SI MOBILITA

L'Unione di Comuni Val Vibrata è pronta ad offrire la sua collaborazione.
Il presidente Dino Pepe, nella prossima seduta di Giunta, proporrà ai Sindaci della vallata di mettere a disposizione delle vittime del terremoto un fondo sociale.
Al momento gli sfollati presenti nei tre comuni costieri sono 1300 così distribuiti: 200 a Martinsicuro, 250 ad Alba Adriatica e 750 a Tortoreto.
A Martinsicuro sta operando un responsabile dei servizi sociali del Comune e un assistente sociale dell'Unione di Comuni. Gli ospiti sono famiglie con al seguito bambini o anziani che non hanno manifestato particolari esigenze.
Ad Alba Adriatica gli evacuati sono ricoverati in una decina di alberghi dove l'unica difficoltà è offrire loro i pasti non essendo ancora attive cucine e non essendoci ancora il personale addetto. Anche qui la responsabile dei servizi sociali sta verificando i bisogni di ciascuno di loro.
A Tortoreto, dove il numero delle persone accolte è il più alto, è stata richiesta, in particolare, assistenza psicologica. Nel frattempo è stato attivato il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) e consegnate 3 carrozzine ad altrettanti ragazzi con handicap da parte della Asl. L'assistente sociale del Comune di Tortoreto ha comunicato che c'è bisogno di biancheria intima, abiti e prodotti per la pulizia personale. Per eventuali aiuti è possibile contattate la stessa assistente al Comune di Tortoreto.

15.11 LUTTO CITTADINO A CIVITELLA DEL TRONTO

Per giovedì 9 aprile il Comune di Civitella del Tronto ha indetto il lutto cittadino per la scomparsa del giovane Gabriele Di Silvestre con la sospensione delle attività lavorative a partire dalle 16,00 in concomitanza con la cerimonia funebre.

ORE 15.45 A TERAMO AMBULATORI ASL CHIUSI PER VERIFICHE

Gli uffici e gli ambulatori della Asl di Teramo in via Circonvallazione Ragusa 1 (Ex Inam) da domani resteranno chiusi al pubblico, per permettere ai tecnici le necessarie verifiche di idoneità statica dell'edificio dopo i recenti eventi sismici. I tecnici ritengono che le verifiche potranno essere ultimate presumibilmente nella giornata di martedì prossimo e che si potrà, dunque, tornare pienamente operativi già dal 15 aprile. Il Distretto Sanitario di Base di Teramo assicurerà comunque i prelievi di sangue domiciliari e il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (Adi). Chi usufruisce del Servizio Adi potrà recarsi presso la sede della Medicina Legale in via Cesare Battisti a Teramo, dove è stato allestito un punto di accoglienza. Nel caso in cui qualcuno non fosse stato raggiunto, può avere informazioni al punto di accoglienza presso la Medicina Legale e ai numeri telefonici 0861/429983 - 0861/429943.

16.20. DOMANI ALL'AQUILA SI FARA' PUNTO SU SCUOLE

Il ministro dell'istruzione, Mariastella Gelmini, sarà domani all'Aquila per una riunione "operativa" con i vertici delle istituzioni locali e scolastici, per valutare la situazione delle scuole dopo il terremoto.
Lo ha annunciato la stessa Gelmini nel corso del Question Time alla Camera.
Il ministro vedrà «il direttore scolastico regionale, i dirigenti scolastici, i prefetti, il presidente della Regione e della provincia e il sindaco».
«Già da oggi sono al lavoro squadre di intervento per la ricognizione del rischio. Abbiamo stanziato risorse per l'immediata ricostruzione della Casa dello studente. Stiamo con Bertolaso cercando di risolvere il problema dell'Ufficio scolastico regionale, perché anch'esso non è più agibile. Abbiamo bisogno sul posto di un ufficio che possa coordinare i lavori».

16.23. POLIZIA FERMA DUE SCIACALLI CON 80 MILA EURO

La polizia ha fermato due sciacalli a Onna. Si tratta, secondo quanto si è appreso, di due italiani. Erano in possesso di refurtiva per un valore di 80 mila euro.


17.14. MADONNA DONA 500.000 DOLLARI

Madonna, la popstar americana ha fatto una "sostanziosa donazione" per le vittime del sisma che ammonterebbe a 500 mila dollari (378 mila euro), come riporta il sito americano E! Online.
La cantante ha risposto a un appello lanciato lunedì dal sindaco di Pacentro, il paesino dell'aquilano da dove venivano i suoi nonni paterni Gaetano Ciccone e Michelina Di Iulio, andati in Usa tra le due guerre. «Sono felice di poter dare una mano alla città da cui provengono i miei antenati. Sono vicina a coloro che hanno perduto i propri cari e le proprie case», ha detto Madonna in una dichiarazione diffusa dalla portavoce Rosenberg.
Nel 1987, durante la parte italiana del tour mondiale di Who's That Girl, la cantante conobbe due cugini di Pacentro durante lo show a Torino, e in quell'occasione le fu consegnato il documento che la nomina cittadina onoraria del piccolo centro a 10 km da Sulmona.

17.41 ALTRI DUE CORPI RECUPERATI

Nel primo pomeriggio è arrivata anche la conferma del ritrovamento dei corpi di Martina Di Battista Martina, nativa di Torre De Passeri e di Daniela Bortoletti, anche lei di Torre dei Passeri. Entrambe risiedevano poco dietro la casa dello studente crollata durante la prima scossa.

18.00 OSCURATO SITO CHE ANNUNCIAVA FALSA SCOSSA

La polizia postale di Pescara ha oscurato un sito internet che annunciava una forte scossa di terremoto per il pomeriggio all'Aquila. L'annuncio ha provocato allarme tra i cittadini che hanno telefonato in migliaia ai centralini delle questure e dei comandi dei carabinieri dell'Abruzzo e del Lazio, oltre che del ministero dell'Interno, per avere conferma della notizia e indicazioni su come comportarsi. Il sito (www.csrs.it), che fa capo a un fantomatico centro scientifico di ricerca sismica, è stato posto sotto sequestro e si procederà nei confronti dei responsabili.

18.27. NUOVAMENTE ON LINE IL SITO DELL'UNIVERSITA' DELL'AQUILA

E' stato riaperto il sito ufficiale dell' Università degli studi dell'Aquila www.univaq.it
Sono presenti indirizzi mail provvisori per mettersi in contatto con i docenti e i presidi delle facoltà. Inoltre sono presenti informazioni per quanti devono laurearsi ad Aprile.
«L'Università dell'Aquila piange le vittime dell'immane tragedia che ha colpito la sua Città», sono le parole del rettore di Orio sulla Home Page, «ed è vicina a tutte le famiglie che hanno perso i loro figli nella stagione più bella della vita, dedicata allo studio e alla propria crescita culturale».
Anche per il rispetto dovuto a questo dolore, «l'Università dell'Aquila riafferma la propria insopprimibile volontà a continuare nella sua missione di formazione e di ricerca per contribuire alla rinascita di una terra e di una popolazione così fortemente provate».
L'Università dell'Aquila, si legge ancora, «pur in un momento così drammatico e difficile, invita i propri studenti a continuare a credere nell'istituzione accademica aquilana, che è ancora vitale e in grado di corrispondere alle loro attese di formazione professionale».

20.30. ESTRATTO CORPO DI 85 ENNE

Il corpo di una donna di 85 anni e' stato estratto dalle macerie nel tardo pomeriggio di oggi in un edificio crollato per il terremoto, a Porta Napoli de L'Aquila. Il corpo e' stato estratto dopo un lungo lavoro dai vigili del fuoco.

21.00. 7MILA POSTI LIBERI IN HOTEL

Ventottomila persone senza tetto sono assistite nelle tendopoli e negli alberghi: di queste 10mila sono negli alberghi della costa (6.000 nel teramano, 2.000 nel pescarese e 2.000 nel chietino) e 18 mila nelle tendopoli.
Solo queste hanno l'assistenza con il vitto e l'alloggio.
Per chi è ospitato in case di amici o messe a disposizione da amici, si sta provvedendo a prevedere la forma di assistenza.
Lo ha reso noto il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella scuola sottufficiali della guardia di finanza a Coppito.
All'incontro ha partecipato il direttore generale del dipartimento di protezione civile, Agostino Miozzo.
Chiodi ha anche indicato quali sono le modalità per prenotare gli alberghi nei quali ci sono ancora 7mila posti: «o ci si rivolge nelle stazioni dei carabinieri dei centri costieri da dove poi si viene indirizzati negli alberghi oppure ci si rivolge alla protezione civile regionale nella scuola della guardia di finanza - spiega chiodi -. Stiamo lavorando per prevedere assistenza anche a chi non ha scelto queste due soluzioni». Ecco i numeri fissi a cui rivolgersi per prenotare gli hotel: 0862/310576 e 0862/361255

21.30 EVACUATO CONDOMINIO A CHIETI

Gli effetti del terremoto de L'Aquila si stanno facendo sentire anche in altre citta' dell'Abruzzo. A Chieti la protezione civile ha evacuato 37 famiglie residenti in un condominio di via Cesare De Laurentiis numero 13. Dopo le prove di staticita' eseguite dai vigili del fuoco e' stata decisa l'evacuazione. Le 37 famiglie saranno ospitate in alberghi della costa chietina e in altre strutture ricettive della costa abruzzese anche se, ormai, tutti gli alberghi da Vasto a Martinsicuro sono al completo.

21.32. ORDINANZA DI CHIUSURA CENTRO L'AQUILA

Il sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, ha firmato un'ordinanza che stabilisce la chiusura del centro storico della città. "C'é reale pericolo di crolli", ha detto il primo cittadino.