Le giovani vite spezzate, gli studenti e le promesse dello sport

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4224

L’AQUILA. Giovani e giovanissimi, ci sono anche loro tra le vittime della catastrofe abruzzese. Studenti ma anche giovani promesse delle sport non ce l’hanno fatta e sono stati sepolti mortalmente da macerie assassine. * OGGI PRIMI FUNERALI DI 6 STUDENTI
Ieri il rettore dell'Università dell'Aquila, Ferdinando di Orio non trovava pace per la disgrazia che ha colpito i “suoi” ragazzi.
Si può morire così? Mentre si vive in un luogo considerato sicuro e si studia per un futuro che in molti vedevano pieno di aspettative.
La casa dello studente, implosa su se stessa, è diventata un po' il simbolo di questa tragedia.
Uno dei tanti simboli, insieme ad Onna, il paese raso al suolo.
Per evitare che la casa dello studente collassasse definitivamente, prima di recuperare i corpi degli ultimi studenti dispersi e dichiarati morti, intorno alle 18,30 è stata azionata una gigantesca cesoia piazzata in cima a un braccio meccanico.
L'obiettivo era quello di alleggerire la struttura per evitare nuovi crolli. Ma poco dopo più di un'ora, alle 19.42 l'ennesima, violentissima scossa.
Una volta accertato che non c'erano più persone vive i tecnici hanno deciso di demolire la struttura per recuperare i corpi.
L'Ance ha fatto sapere che vuole mettere a disposizione le proprie strutture, professionalità e i materiali tecnicamente avanzati per l'immediata ricostruzione della residenza degli universitari.
E in questa tragedia anche lo sport ha pagato il suo prezzo.
Oltre alla probabile morte del rugbista dell'Aquila rugby Lorenzo Sebastiani, che risulta ancora tra i dispersi, non ce l'hanno fatta il giovane calciatore del Loreto Aprutino (Eccellenza) Giuseppe Chiavaroli e il giovane pallavolista Lorenzo Cini, 23 anni, di Montorio al Vomano (Teramo) che era palleggiatore nella squadra di serie B del suo paese.
Cini, studente universitario, è rimasto sotto le maceria della casa aquilana insieme alla fidanzata.
Il mediano Chiavaroli, 24 anni, invece è morto nella notte tra lunedì e martedì all'ospedale di Teramo per le ferite riportate durante il crollo della abitazione dove viveva a L'Aquila insieme alla fidanzata. Chiavaroli - che all'Aquila frequentava la facoltà di Scienze Motorie - aveva un passato di giovane promessa nelle fila della Fiorentina e del Celano.
E' stato trovato morto anche un altro dei tre giovani studenti frusinati che mancavano all'appello.
Si chiamava Nicola Bianchi, 23 anni ed era residente con la famiglia nel comune di Monte San Giovanni Campano, ma da un paio di anni era domiciliato in una palazzina poco distante dall'università.
Ora si spera ancora per Marco Alviani, 21 anni di Sora e Giulia Carnevale, 23 di Arpino gli ultimi due ciociari ancora dispersi.
Tra le vittime c' è anche una donna sarda, Antonica Canu, di 78 anni, originaria di Osilo e sposata con un abruzzese, Augusto Carli, anch'egli morto nel crollo della loro palazzina all'Aquila.
La donna - come ha spiegato il quotidiano La Nuova Sardegna - era partita dal paese dopo aver vinto un concorso per assistente sanitario.
Nel capoluogo abruzzese viveva da 50 anni, lì si era sposata ed aveva avuto due figli uno dei quali vive a l'Aquila ed è accorso subito dopo il crollo della casa.
Mentre una famiglia piange un'altra gioisce per lo scampato pericolo.
La notte scorsa una giovane sarda sana e salva (con lo stesso cognome della vittima ma di un altro paese del sassarese) é rientrata nell'isola, con un volo atterrato ad Alghero.
La giovane studentessa di Tissi, Francesca Canu, di 21 anni, estratta dalle macerie dopo 13 ore dalla scossa più forte che ha fatto crollare la casa dove abitava, appena giunta in Sardegna è stata abbracciata da parenti ed amici.
Ma il terremoto fa registrare anche morti dovuti alla paura. E' il caso di un uomo di 76 anni, deceduto a Roma per arresto cardiaco a seguito dello spavento avuto dopo la violenta scossa sismica delle 19.42 che è stata avvertita anche nella capitale. L'anziano, cardiopatico già sottoposto in passato a intervento chirurgico al cuore, al momento della forte scossa di assestamento si trovava nella propria abitazione nel quartiere Monteverde.

08/04/2009 10.18
[pagebreak]

OGGI PRIMI FUNERALI DI 5 STUDENTI

Sebbene i funerali di Stato siano stati indetti per venerdì prossimo già da oggi ci saranno le prime esequie.
Si svolgerà nel pomeriggio a Raiano (L'Aquila) il primo funerale di una delle vittime, Carmelina Iovine, 22 anni.
La ragazza - studentessa universitaria, si era laureata nel novembre scorso in psicologia e stava frequentando il corso di specializzazione - è rimasta sotto le macerie in una casa presa in affitto.
I funerali si svolgeranno all'aperto, in piazzale sant'Onofrio, perché tutte le chiese di Raiano sono state dichiarate inagibili. I genitori della ragazza sono originari di Pratola Peligna, la madre insegnante, mentre il padre fa il barbiere a Raiano.
Alle 16,30 nella chiesa Sant'Onofrio, in via Kennedy, a Foggi si terrà il funerale di Ilaria Placentino, studentessa di 19 anni.
Sempre questo pomeriggio a Carovilli (Isernia) si celebreranno i funerali di Danilo Ciolli, una delle vittime molisane. In paese è stata proclamata una giornata di lutto cittadino. Complessivamente sono tre i morti molisani (Ernesto Sferra, 80 anni, di Forli del Sannio e Luana Paglione, 40 anni, originaria di Capracotta). Il numero dei dispersi è sceso a tre, si tratta di studenti universitari: Elvio Romano di Bojano (Campobasso) e Michele Iavagnilio e Vittorio Tagliente, entrambi di Isernia. C'é infine una ragazza di Campobasso ricoverata in coma.
Sempre oggi si celebreranno i funerali di Maria Urbano di 20 anni e Carmen Romano di 21 anni.
Entrambe erano della provincia di Benevento: Maria, di Puglianello, era iscritta alla facoltà di Ingegneria; Carmen Romano, di Amorosi, era invece iscritta alla facoltà di Economia e Commercio.
Alle 15,30, nella Chiesa di San Giacomo Apostolo di Puglianello, il parroco don Riccardo Pulcrino celebrerà le esequie di Maria Urbano.
Alle ore 17, a qualche chilometro di distanza, don Marino Labagnara celebrerà nella chiesa di San Michele Arcangelo di Amorosi i funerali di Carmen Romano.
Alle 16.30 presso la chiesa Madonna del Soccorso di Trasacco (AQ) si terranno i funerali del giovane Luigi Cellini di 16 anni. Studente dell'istituto Alberghiero di L'Aquila è stato trovato senza vita sotto le macerie del convitto dove alloggiava insieme ad altri 4 compaesani rimasti feriti.
Il Comune di Trasacco ha indetto il lutto cittadino.


08/04/2009 12.24