L’Italia in lutto si mobilita per aiutare l’Abruzzo. Già raccolti 10 mln di euro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5552

L’Italia in lutto si mobilita per aiutare l’Abruzzo. Già raccolti 10 mln di euro
IL TERREMOTO IN ABRUZZO. L’AQUILA. Si moltiplicano da tutte Italia le iniziative di solidarietà per offrire aiuto e sostegno ai terremotati dell’Abruzzo. Ma non mancano sciacalli o persone che cercano di approfittare dell'enorme tragedia.
Dall'Irpinia arriva un aiuto, quasi trent'anni dopo, per il Comune di Navelli. Nel 1980, infatti, dal comune abruzzese partirono roulotte per ospitare i terremotati. Ora quel gesto sta per essere ricambiato. Gli aiuti provenienti dalla Campania saranno destinati soprattutto alla frazione di Civitaretenga, dove c'é un antico Ghetto ebraico devastato dal sisma. Qui non si contano morti né feriti gravi, ma il cuore del borgo è praticamente inagibile.
Sempre dalla Campania, l'istituto Nazionale Tumori Napoli Fondazione Pascale metterà a disposizione, già nelle prossime ore, 20 posti letto per accogliere i malati oncologici provenienti dalle zone terremotate. Il Pascale inoltre ha destinato l'importo di 100.000 euro, provenienti dai fondi dell'8 per mille, per supportare le attività di soccorso nei comuni abruzzesi. Queste risorse saranno gestite direttamente dalla Regione Campania.
Il Pescara calcio ha invece deciso che devolverà l'intero incasso della partita Pescara-Arezzo, in programma sabato 11 aprile allo stadio "Aragona" di Vasto, per aiutare le popolazioni dell'Aquilano. Il Pescara invita tutte le società sportive abruzzesi a stringersi intorno ai corregionali in difficoltà contribuendo ciascuno secondo le proprie possibilità alla ricostruzione della città e dei paesi devastati dal sisma.
E sarà una giornata di solidarietà anche quella di sabato prossimo al campo sportivo Mariotti in occasione della gara, valevole per la 29/a giornata del campionato di calcio Lega Pro Seconda Divisione, fra Alghero e Rodengo Saiano. L'intero incasso sarà devoluto in beneficenza alla società sportiva dell'Aquila calcio (attualmente milita nel campionato regionale di Eccellenza ed è prima in classifica), simbolo calcistico di una città gravemente colpita dal recente terremoto.
In segno di lutto su tutti i campi delle gare del prossimo turno di Serie A e B e del campionato Primavera sarà osservato un minuto di silenzio ed i calciatori scenderanno in campo con il lutto al braccio.
Gli scout del corpo nazionale giovani esploratori ed esploratrici (Cngei) e dell'Associazione guide e scout cattolici italiani (Agesci) si sono mobilitati per accorrere in aiuto delle popolazioni colpite dal grave terremoto di lunedì notte. Sono già 80 i volontari del Cngei presenti sul posto, diventeranno almeno 100 nelle prossime ore, impegnati nel montaggio delle tendopoli e nei servizi connessi.
Intanto sono saliti a 17 gli sfollati del terremoto in Abruzzo accolti a San Benedetto del Tronto, nelle Marche, grazie all'ospitalità di privati che hanno messo a disposizione appartamenti liberi. Già molti sambenedettesi o proprietari di case per le vacanze hanno risposto positivamente, mentre la Caritas diocesana provvede a fornire i beni di prima necessità.
Sempre dalle Marche sono partiti stamani per l'Abruzzo altri 60 volontari dei gruppi comunali di protezione civile e associazioni delle province di Ancona e Macerata, accompagnati da cinque funzionari della Protezione civile regionale. Si affiancheranno ai 100 soccorritori marchigiani che si trovano già nel campo allestito in prossimità dell'ospedale civile dell'Aquila.
La Regione Umbria mette a disposizione l'esperienza maturata nella ricostruzione dopo il sisma del 1997 e le sue qualificate strutture per contribuire al restauro e alla tutela dei beni culturali danneggiati dal devastante terremoto che ha colpito l'Abruzzo
Dalla Basilicata sono 23 finora gli autocarri carichi di materiale del Ministero dell'Interno prelevato nel deposito di Tito (Potenza) della protezione civile che sono stati inviati all'Aquila. Gli autocarri hanno trasportato all'Aquila 690 tende (ciascuna da sei posti), 2.100 posti letto, circa 400 radiatori e 700 sacchi a pelo. Il materiale è destinato alle popolazioni dell'Aquila, di Paganica e di Onna.
Per aiutare la ricostruzione delle abitazioni colpite dal terremoto, l'Ipost (l'ente di previdenza e assistenza delle Poste italiane e delle società collegate) ha deliberato un percorso di credito agevolato agli iscritti in servizio e in pensione, ad un tasso di interesse inferiore a quello praticato normalmente dall'Ente. L'Ipost ricorda, inoltre, di aver deciso uno stanziamento straordinario di 5 milioni di euro, a fondo perduto, in favore degli associati che hanno subito danni dal terremoto ed un bonus bebé (senza alcun tetto massimo di spesa) di 3.000 euro per ogni bambino nato nel corso del 2009 in famiglie monoreddito, che divengono 1.500 per le famiglie non monoreddito.
E anche le compagnie telefoniche stanno aiutando i terremotati. Wind ha accreditato 5 euro di traffico telefonico agli utenti dell'aquilano, 10 euro la Tim.

C'E' ANCHE CHI APPROFITTA DELLA TRAGEDIA

Se ieri le forze dell'ordine hanno bloccato alcuni sciacalli in azione, pronti ad approfittare di case abbandonate questa mattina a Pescara i carabinieri hanno fermato persone che volevano soggiornare “a sbafo”.
Il comandante provinciale, Giovanni Esposito Alaia, ha riferito infatti che alcune persone, per lo più nomadi, hanno cercato nelle ultime ore di mescolarsi agli sfollati per poter usufruire dell'accoglienza gratuita nelle strutture ricettive. Per evitare questi 'curiosi' atti di sciacallaggio i carabinieri stanno controllando all'interno di alcuni hotel le persone che man mano arrivano
I militari e gli albergatori invitano i cittadini che hanno bisogno di essere accolti negli hotel della costa a mettersi in contatto e raccordarsi con le sale operative della Protezione Civile di Pescara e dell'Aquila.
07/04/2009 12.34

GIA' RACCOLTI 10 MILIONI DI EURO

Una decina di milioni di euro per aiutare le famiglie abruzzesi colpite dal terremoto. Il fronte delle donazioni non ha perso tempo e a poco più di 24 ore dalla tragedia ha messo sul piatto denaro e iniziative per la raccolta di fondi per la ricostruzione, il riavvio delle attività economiche, per la ripresa.
L'Ipost ha anche deciso un bonus bebé (senza alcun tetto massimo di spesa) di 3.000 euro per ogni bambino nato nel 2009 in famiglie monoreddito, che divengono 1.500 per le famiglie non monoreddito. Un milione di euro in garanzie è quanto messo a disposizione da Coopfidi per le imprese abruzzesi per i primi interventi di ripristino e riavvio delle attività. E un altro milione di euro sarà devoluto al Comune dell'Aquila dal bookmaker inglese Stanleybet per opere di pubblica utilità legate alla ricostruzione post-sisma. Dal parlamento ogni deputato verserà personalmente 1.000 euro, mentre i dipendenti della Camera potranno devolvere il corrispettivo di una giornata di lavoro. Iniziativa analogo dovrebbe essere presa domani al Senato: il presidente Renato Schifani proporrà domani ai presidenti dei gruppi parlamentari di promuovere una raccolta di fondi non inferiori a mille euro a testa da destinare all'assistenza dei bambini colpiti dalla tragedia del sisma. Vinitaly ha deciso di devolvere 50mila euro (parte degli incassi della giornata di lunedì). Diecimila euro sono arrivati da Legacoop mentre Tim ha accreditato 10 euro di traffico gratuito su 290mila utenze della provincia de L'Aquila. Dal mondo del lavoro, i chimici di Porto Marghera, in sciopero per difendere il posto di lavoro, hanno deciso una raccolta fondi e doneranno una piccola parte della loro paga mentre due ore di cassa integrazione a sostegno dei familiari delle vittime del terremoto e di tutte le persone coinvolte è l'iniziativa di solidarietà dei lavoratori delle officine motori di Alitalia Maintenance Systems (Ams) in cassa integrazione. Il Calcio Catania ha annunciato che devolverà l'intero incasso della partita casalinga di campionato del 19 aprile prossimo alle famiglie terremotate in Abruzzo e anche il Calcio Napoli devolverà l'incasso della partita di sabato prossimo allo stadio San Paolo