Furti alla Asl di Giulianova, 3 minorenni in manette

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1737

GIULIANOVA. Tre minorenni, appartenenti a famiglie Rom di Giulianova ed una maggiorenne, L.L. di 15 anni, A.L. di 16 anni e H.N. di 17 anni  e la maggiorenne P.R.K. di anni 20, hanno concluso la loro notte brava in questura.

I quattro dopo aver messo a soqquadro la sede Asl di Giulianova dove hanno dapprima scassinato due distributori di bevande, sottraendo 60 euro, poi, sempre alla ricerca di altro denaro, hanno sfondato otto porte di altrettanti uffici, una volta usciti hanno rubato l’autovettura di servizio, una Fiat Panda, ed hanno raggiunto Teramo nell’intento di commettere altri furti. Ma in via San Marino di Teramo hanno avuto un incidente stradale con altra autovettura. Una guardia giurata dell’Istituto aderente al progetto “1000 occhi sulla città”, ha chiamato subito il 113. La Volante giunta sul posto ha condotto i quattro in questura che sono stati denunciati per furto aggravato e danneggiamento nonché per guida senza patente poiché l’auto rubata era condotta da un minorenne.

Gli ulteriori accertamenti da subito avviati hanno consentito ai poliziotti di rinvenire, nascosta in una discarica di Giulianova, anche una cassaforte contenente 2 pistole e 3 fucili in dotazione al servizio veterinario, sottratta dal gruppo nel detto ufficio e depositata in quel luogo in attesa di prelevarla in un secondo tempo. I quattro, nonostante la loro giovane età, hanno già pregiudizi a loro carico per rapina e furto. I minori erano stati già affidati dal Tribunale di L’Aquila in giudiziale custodia ad uno zio, la maggiorenne ha una figlia di pochi anni.

Questa mattina la questura ha applicato l’articolo 403 del Codice Civile ed ha affidato i minori ad una Comunità in attesa che l’Autorità Giudiziaria  competente emetta una misura restrittiva a loro carico. Analoghi provvedimenti sono stati chiesti per la maggiorenne e a tutela anche per la figlia. I Rom, sostiene la polizia, potrebbero essere gli autori di altri furti di macchinette cambia soldi e di distributori in esercizi pubblici ed istituti scolastici della provincia, nonché di altri furti commessi nelle ultime notti e su cui la Squadra Mobile ha aperto indagine.

21/10/2011 15.00