venerdì 22 agosto 2014

visite:

142.356.633

Area Marina protetta Torre del Cerrano: sì alla pesca delle vongole

TERAMO. Il Consiglio provinciale ha approvato la proposta di modifica alla “zonizzazione” dell’area marina protetta della Torre di Cerrano in maniera da consentire la pesca delle vongole.

L’ultima parola, naturalmente, spetterà al Ministero dell’Ambiente che per accogliere la richiesta dovrebbe modificare il regolamento sulle attività consentite nell’area protetta. Il provvedimento è stato votato dalla maggioranza del Consiglio mentre si è astenuto il Partito Democratico, e Sinistra e Libertà e Italia dei Valori hanno votato contro.

Anche sulla base del parere tecnico-scientifico fornito dall’Istituto Zooprofilattico Abruzzo e Molise, la modifica prevede la ridefinizione dell’attuale “zona D” con l’individuazione di un tratto di 7 chilometri, da 500 metri a 1 miglio marino dalla costa, dove si potrebbe praticare la pesca delle vongole.

«La determinazione – ha spiegato l’assessore Francesco Marconi - è stata assunta in seguito alle richieste del Consorzio dei Vongolari, condivise anche dalla Regione e dal Cda dell’area marina, ma sulla base del parere tecnico-scientifico dell’Istituto Zooprofilattico. L’istituto, fra le altre cose,  sottolinea che l’assenza di una Zona A a tutela integrale, in genere vero cuore delle aree protette, presuppone che all’interno della Torre di Cerrano non sia stata identificata alcuna peculiarità naturalistica  tale da giustificare esclusivamente lo svolgimento di attività di servizio e di ricerca scientifica. La proposta di creare un’ area di ripopolamento per le vongole, si legge sempre nel parere, non preclude l’azione delle turbosoffianti che, successivamente, dovrebbero trasportare novellame per spargerlo in aree depauperate».

E’ da tener presente, inoltre, che il COGEVO Abruzzo, sostiene l’Istituto Zooprofilattico, sta effettuando una gestione sostenibile della risorsa ittica, mediante rotazione delle zone di pesca, riduzione del numero giornaliero dei sacchi, utilizzo di periodi di fermo-pesca superiori per la durata a quelli previsti dalle norme vigenti.

«A questo proposito», ha sottolineato l’assessore Francesco Marconi, «il Cogevo, in una nota ufficiale inviata a tutti gli enti componenti il Consorzio di gestione del Cerrano, si è impegnato a “sperimentare ed eventualmente adottare un attrezzo più selettivo nei confronti del novellame e a circoscrivere il numero delle imbarcazioni che possono pescare nella zona D”».

 30/09/2010 17.39

Letture

2654

30/09/2010 - 09:30

La Redazione

Tel: 328 329 0550

Fax: 06 233 125 63

Skype: Donlisander