Sant’Omero, troppi furti e forze dell’ordine assenti. Il sindaco pensa alle ronde

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2170

SANT’OMERO. «Per ridurre i furti c’è bisogno di  ronde civili».   La proposta arriva dal sindaco di Sant’Omero, Alberto Pompizi che, preso atto dei numerosi furti nella sua cittadina, ha pensato ad una soluzione estrema. Ma la situazione è più grave di quanto non sembri.

La risposta al problema per il primo cittadino sono volontari del posto, gente comune pronta ad affiancare le guardie giurate nel segnalare gente ''sospetta'' alle forze dell’ordine, soprattutto di notte.

Ma questa misura, secondo il sindaco, «non può sostituire l’operato delle forze dell’ordine (carabinieri e polizia) peraltro completamente assenti sul posto ma andrà solo a rafforzare il sistema di sicurezza che è inadeguato».

«L’ iniziativa nasce da tentativo di difendere il nostro territorio dai continui saccheggi», spiega, «i dati riportati dalla Prefettura parlano di una media di 100 furti  registrati nel 2010 rispetto ai 50  degli anni precedenti. Ora avremo sicuramente sforato alla grande. Sant’Omero è il comune più grande nella Val Vibrata. Abbiamo un territorio che si estende su una superficie di 34 km ma il problema più grande è la mancanza di forze dell’ordine. La polizia non è neppure presente. I posti di polizia sono a Teramo e ad Atri. Il comando di carabinieri si trova a Nereto ed è composto da 5/6 uomini che controllano Nereto, Sant’Omero e Torano. Come fanno così pochi uomini a garantire la sicurezza su un territorio che conta 80.000 abitanti? Riescono appena a fare il servizio diurno, figuriamoci durante la notte. Per tutta la Val Vibrata girano appena due gazzelle di carabinieri e Sant’Omero è lasciato in balia di se stesso. Infine,  c’è l’aggravante dell’ospedale che attira gente poco affidabile (tossicodipendenti  e pregiudicati) che bivaccano per la città e gravitano attorno al presidio ospedaliero».

Una situazione alla quale il sindaco Pompizi avrebbe tentato  inutilmente di porre rimedio appellandosi alle autorità territoriali competenti.

«Più volte abbiamo chiesto che si potesse fare una stazione di carabinieri e polizia nella nostra città.  Ho incontrato il comandante dei carabinieri di Teramo ed altri organi ma  tutti ci hanno risposto picche. “Mancano i soldi”, dicono e intanto la gente è esasperata perché col caldo è costretta a dormire con finestre chiuse per non trovarsi i ladri in casa. Ad esempio, ieri un concittadino mi ha avvisato che dei malviventi stavano scassinando l’ufficio di mio cugino. Avevano già fatto un buco col trapano ma non hanno portato a segno il colpo grazie alla tempestività con cui siamo intervenuti».

Ma come dovrebbe funzionare allora il servizio di vigilanza notturna svolto da cittadini?

Secondo il sindaco avverrà più o meno così: i volontari (forze dell’ordine in pensione o i metronotte) faranno un servizio “di attenzione” cioè avvisteranno situazioni sospette ed in quel caso, chiameranno la polizia. Inoltre, le sentinelle notturne dovranno essere munite di distintivo per essere riconoscibili. Tutto questo nella speranza che il servizio sia un deterrente per i ladruncoli e malavitosi della zona.

«Ma», sottolinea il sindaco, «sono tanti i punti interrogativi. Anche se le ronde dovessero avvisare i carabinieri in servizio, chi ci assicura che le pattuglie arrivino tempestivamente  visto che non sono sul posto e potrebbero essere impegnate in altre operazioni in quel momento? E’ per questo che tenterò di risolvere la situazione muovendomi su due fronti: chiederò prima al Prefetto e al Questore di creare un Comitato sicurezza, poi, mi rivolgerò al Ministero degli Interni ed al Presidente della Repubblica, se necessario. Non lascerò Sant’Omero  in balia di se stessa o di soluzioni fai da te».

E  in tutto questo che cosa ne pensano i cittadini? «Loro mi hanno votato e ripongono grande fiducia in me. Mi vedono come la massima autorità dal momento che non ci sono caserme. Ma se non ci sta nessun organo di sicurezza», ironizza, «sono la massima autorità di me stesso?».

Marirosa Barbieri  13/09/2011 13.28