Lavoratori Sogesa in sciopero bloccano la Teramo Mare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1768

Lavoratori Sogesa in sciopero bloccano la Teramo Mare
TERAMO. Oggi i lavoratori della Sogesa hanno bloccato la super strada Teramo Mare. I 120 operai rimasti senza stipendio sono allo sfinimento.

Dall'incontro dei sei sindaci Cirsu di ieri è emersa una amara realtà. Ai comuni è stata data una settimana di tempo per portare un piano di rientro dai debiti maturati con il consorzio, circa sette milioni di Euro , se a tale termine non sarà presentato quanto richiesto si procederà alla liquidazione della società.

«Ecco ora tutti i nodi venire al pettine», commenta Marco Borgatti, portavoce della Federazione della Sinistra. « A pagare come sempre le conseguenze sono i più deboli, i lavoratori».

Bloccare l'accesso alla super strada è un gesto forte, ammette Borgatti, «ma spinto da una situazione drammatica dove ai lavoratori non viene data voce in nessun modo e si trovano costretti a gesti eclatanti per portare le loro ragioni. Le colpe della situazione stanno probabilmente ad una cattiva gestione e alla troppa ingerenza della politica nel consorzio ed oggi, come sempre, chi paga il conto sono dei poveri padri di famiglia,uomini e donne che lottano per quello che una volta era un diritto ed oggi sembra essere sempre più un sogno: il lavoro».

Nei mesi scorsi i dipendenti hanno incrociato le braccia più volte perché, anche in quella occasione, gli stipendi non venivano pagati con regolarità.

Dopo le assemblee e gli incontri si sono stipulati accordi chiari per sbloccare somme che dovevano servire anche a pagare i dipendenti. Erano seguiti incontri alla presenza del prefetto ed anche in questo caso si era giunti ad accordi precisi.

Poi ancora scioperi e proteste, e sullo sfondo l'emergenza rifiuti a causa della mancata raccolta. A niente quindi è valsa la nomina degli esperti e consulenti che avrebbero dovuto studiare e pianificare le azioni future.

22/06/2011 11.33

* TUTTO SUL PROBLEMA DEI LAVORATORI DELLA SOGESA E DEL CIRSU