Sevizio fisioterapia non riapre, Rc protesta con la Asl di Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2228

TERAMO. Il Circolo di Teramo di Rifondazione Comunista contro la decisione da parte dell’Asl di Teramo.

L'azienda sanitaria cittadina, infatti, avrebbe deciso di non riaprire il servizio di fisioterapia, attivo fino all’aprile 2009, presso i locali su Circonvallazione Ragusa.

Il Centro di fisioterapia erogava circa 2.500 prestazioni al mese, occupandosi prevalentemente di malati cronici che potevano usufruire dei vari servizi due volte l’anno e con attese contenute in tempi massimi non superiori ai due mesi, offrendo quindi ai pazienti un servizio di qualità e quantità.

Il Centro, chiuso all’indomani del terremoto che aveva reso i locali inagibili, sarebbe stato riaperto, come dichiarato dall’Asl, non appena i locali sarebbero stati ristrutturati.

«Nonostante i lavori siano stati completati da tempo», denunciano da Rifondazione, «e la disponibilità del personale, il Centro di Circonvallazione Ragusa resta ancora chiuso, rendendo la situazione al reparto di fisioterapia dell’Ospedale civile assolutamente invivibile per tutti i malati, cronici e cosiddetti “urgenti”».

Anche perchè ad oggi l’Ospedale non riesce ad erogare più di circa 500 prestazioni al mese. L’unica soluzione per chi necessita di fisioterapie rimane quella di rivolgersi ai privati, con costi intorno ai 300 euro per 10 sessioni.

Rifondazione Comunista chiede «con forza» la riapertura del centro di Circonvallazione Ragusa e che il reparto di fisioterapia dell’Ospedale torni ad essere utilizzato solo per le urgenze.

«Tutto questo», spiegano da Rc, «eviterebbe anche lo strazio di persone anziane e malate croniche che, per recarsi dalla zona della Cona all’Ospedale sono costrette a prendere due diversi autobus, grazie alle politiche di tagli dei trasporti urbani di Berlusconi, Chiodi e Brucchi».

Rifondazione Comunista si augura che la Asl di Teramo «torni al servizio di tutti i cittadini e non solo di quelli che gestiscono la sanità privata».

06/06/2011 6.55