Scuolabus con 15 bambini a bordo intrappolato sui binari, multa al conducente

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3139

TERAMO. Uno scuolabus del Comune di Teramo con bambini a bordo ieri mattina è rimasto intrappolato tra le sbarre del passaggio a livello a Villa Pavone di Teramo.

TERAMO. Uno scuolabus del Comune di Teramo con bambini a bordo ieri mattina è rimasto intrappolato tra le sbarre del passaggio a livello a Villa Pavone di Teramo.

Panico tra i quindici bambini ma l'autista è riuscito a non perdere la calma e con una manovra tempestiva ha liberato il mezzo.

L'episodio è accaduto ieri mattina intorno alle 7.30. Sul posto si è precipitata anche una pattuglia della polizia Stradale di Teramo.

Il mezzo si è trovato fermo tra le due sbarre abbassate, ricostruisce la questura, «perché in violazione di qualsiasi norma di prudenza, in presenza di coda dovuta al traffico mattutino, invece di fermare il veicolo al di qua delle rotaie, si è accodato all’ultima autovettura, fermandosi sulle rotaie».

In quei minuti era previsto il passaggio del treno, e quindi secondo i meccanismi previsti si sono abbassate le sbarre del passaggio a livello. In quel momento il conducente si è reso immediatamente conto quali gravissime conseguenze poteva avere il suo comportamento negligente.

Prontamente sia lui che l’assistente a bordo si sono attivati per far scendere i quindici bambini mettendoli in sicurezza fuori dalla sede ferroviaria.

Subito dopo l'autista ha pensato di mettere l’autobus in posizione parallela ai binari per evitare ulteriori pericoli alla circolazione ferroviaria che non ha subito alcun problema anche perché il treno che stava sopraggiungendo è stato rallentato.

Le ferrovie dello stato si sono riservate di presentare eventuale richiesta di risarcimento danni per eventuali ritardi. All’arrivo della pattuglia, le sbarre erano ancora abbassate con il veicolo in sicurezza e i bambini ovviamente in area protetta.

Per evitare traumi agli studenti, la pattuglia della Polizia Stradale ha ritirato i documenti al conducente consentendogli di accompagnare i bambini a scuola.

Al conducente sono stati contestati l’articolo 180 del codice della strada (violazione della segnaletica stradale)  e il comportamento negligente al passaggio a livello.

Il mezzo circolava con assicurazione scaduta il 13 maggio 2011, comunque nei 15 giorni di copertura assicurativa.

«La sicurezza degli occupanti dello scuolabus non è stata messa mai in pericolo», sostiene l'assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Teramo Piero Romanelli. «La tempestività della reazione dell’autista del mezzo e dell’assistente accompagnatore, hanno evitato qualsiasi conseguenza».

24/05/2011 8.26