118 a Montorio: ancora senza risposta l’appello dell’amministrazione comunale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2211

MONTORIO AL VOMANO. Rimane ancora senza risposta l’appello rivolto dall’amministrazione comunale al direttore generale della Asl Giustino Varrassi e al presidente Chiodi.* BUSTA PAGA PIÙ PESANTE PER I DIPENDENTI DELLA ASL DI VASTO

Nei giorni scorsi il primo cittadino aveva chiesto la riattivazione del servizio notturno del 118. La postazione di emergenza sanitaria territoriale che serve Montorio e le aree interne non è più operativa nell’arco delle 24 ore giornaliere, come previsto nella convenzione del 2010. Dal 1 maggio, infatti, la Asl di Teramo ha ridotto a 12 ore il funzionamento del servizio che dunque è in attività solo di giorno, dalle ore 8.00 alle ore 20.00.

«Abbiamo chiesto più volte come amministrazione comunale un incontro con il manager della Asl e sollecitato un intervento del presidente Chiodi», spiegano il sindaco Alessandro Di Giambattista e il consigliere comunale con delega al volontariato Andrea Guazzetti.

«Questo è un servizio che non può essere minimamente ridotto per i paesi dell’entroterra del Vomano. Con la raccolta di firme stiamo sensibilizzando la popolazione e riscontriamo molta preoccupazione per la riduzione del servizio».

Preoccupazione espressa anche dalla Fimmg (Federazione dei medici di famiglia) di Teramo e dall'Anaao Assomed Abruzzo (Associazione dei medici dirigenti ospedalieri).

«Speriamo – hanno concluso Di Giambattista e Guizzetti - che dopo le sollecitazioni degli amministratori, dei partiti politici e degli operatori del settore, Chiodi e Varrassi ascoltino almeno i cittadini. Rinnoviamo di nuovo la richiesta di un incontro urgente con il direttore generale della Asl e con il presidente della Regione».

Intanto prosegue con successo la raccolta firme nei comuni di Montorio al Vomano, Tossicia, Crognaleto, Pietracamela e Fano Adriano per salvare la postazione del 118 di Montorio, gestita dall’Associazione di Volontariato Croce Bianca Onlus di Montorio.

I punti di raccolta si possono trovare presso la sede stessa della Croce Bianca di Montorio, negli ambulatori medici, negli esercizi commerciali e presso i banchetti organizzati in Piazza Orsini a Montorio soprattutto durante il mercato cittadino del mercoledì mattina.

11/05/2011 8.27

[pagebreak]

 BUSTA PAGA PIÙ PESANTE PER I DIPENDENTI DELLA ASL DI VASTO

VASTO. Buste paga più ricche per i dipendenti del comparto della ex Asl Lanciano-Vasto. La direzione generale della Asl Lanciano Vasto Chieti ha infatti approvato e ufficializzato le graduatorie per l’attribuzione del beneficio economico delle progressioni orizzontali (le cosiddette “fasce”), adempimento previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro che consente di erogare un aumento di stipendio al personale che ne matura il diritto in base ai titoli di carriera e a quelli professionali. Tale beneficio interessa il 65% del personale fra ruolo amministrativo, tecnico e sanitario, in tutto circa 1300 dipendenti per i quali l'incremento in busta paga sarà compreso fra 450 e 1.000 euro l’anno, a seconda della categoria e della fascia di appartenenza. 

L’approvazione delle graduatorie (pubblicate insieme alla delibera di recepimento sul sito internet della Asl) rappresenta la fase conclusiva di un lungo e complesso lavoro portato avanti dalla commissione preposta, che ha analizzato le domande attribuendo ai candidati il relativo punteggio in base all’anzianità di servizio e alla valutazione espressa dai dirigenti dei vari settori.  

I benefici saranno retroattivi poiché, in base a un accordo siglato con i sindacati, la decorrenza è stata fissata a partire dal 2006; gli aventi diritto, pertanto, riceveranno gli aumenti maturati da quella data a oggi contestualmente all'adeguamento della busta paga alle nuove fasce. 

Nei mesi scorsi i benefici delle progressioni economiche orizzontali erano già stati erogati ai dipendenti della ex Asl di Chieti, mentre per quanto riguarda la ex Asl Lanciano-Vasto il ritardo è stato causato dalla necessità di trasferire tutti i dati relativi ai dipendenti su un nuovo sistema informatico.

11/05/2011 10.40