? Lotto Zero: il 12 maggio l'apertura delle buste per il secondo tratto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1063

TERAMO. Clima positivo e primi accordi già raggiunti; dal Tavolo di lavoro nuovo impulso per la conclusione dell’opera.

Nuova riunione, ieri a L’Aquila, del Tavolo di lavoro permanente per il Lotto Zero, costituito dal Comune di Teramo e dall’Anas per consentire un monitoraggio costante dei lavori della strada, e che già ha dato più che positivi risultati.

All’ordine del giorno dell’incontro due questioni: la prima inerente gli aspetti tecnici legati al nuovo appalto per il secondo lotto, con la connessa sistemazione del lungofiume e dell’area archeologica, la seconda inerente l’avvio degli incontri tra l’azienda e i proprietari degli edifici danneggiati dai lavori, secondo quanto stabilito con la calendarizzazione che prevede incontri con tutti i proprietari interessati.

Hanno partecipato alla riunione del Tavolo permanente, il sindaco Maurizio Brucchi, l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Giorgio Di Giovangiacomo, il capo compartimento Abruzzo dell’Anas, Levio Russo e l’avvocato Anna Botti, dell’Ufficio Legale dell’Anas, oltre, ovviamente, ai cittadini convocati.

Per ciò che attiene le questioni tecniche, è stato definito che il prossimo 12 maggio verranno aperte le buste contenenti le offerte relative alla gara per la realizzazione del 2° Lotto e quindi per il completamento della strada; ciò permette di considerare che entro il prossimo mese di Luglio i lavori verranno definitivamente aggiudicati; in questo contesto, è giunta l’ulteriore conferma dell’aggiudicazione dei lavori per gli scavi archeologici della Cona, ormai imminente. Per quanto attiene il lungofiume, si è stabilito che verranno ripristinati i due ponticelli ora inagibili e pertanto il percorso tornerà ad essere fruibile.

Sull’altro versante, invece, quello relativo alle transazioni con i proprietari di edifici danneggiati, oggi sono state analizzate 15 posizioni, relative ad edifici situati nelle vie Cadorna, Diaz e Manthonè; dodici di esse si sono chiuse con accordi che andranno a buon fine, mentre per tre è necessario procedere ad ulteriori approfondimenti.

Fondamentale per il raggiungimento delle intese e per la valutazione delle situazioni, il clima di dialogo instauratosi tra le parti, con l’aperta disponibilità a valutare le richieste da parte dell’Anas e il positivo atteggiamento dei cittadini; altrettanto decisivo, il ruolo del sindaco Brucchi, che si è posto come garante nei confronti dei cittadini e arbitro nei confronti dell’Anas.

Lo stesso sindaco, d’altronde, si era fatto interprete presso il presidente nazionale dell’Anas, Pietro Ciucci, delle istanze dei concittadini, ottenendo l’impegno a considerare le stesse nella maniera più favorevole.

04/05/2011 9.22