TASSE

Tortoreto, per il Pd «in arrivo mazzate: aumento Imu, in arrivo Irpef »

Il Pd contro sindaco Monti: «tasse su tasse»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3146

Il manifesto del Pd

Il manifesto del Pd

TORTORETO. Un salasso bello e buono dice il Pd di Tortoreto in riferimento alle tasse previste dall’amministrazione Monti.

Oltre all’aumento dell’Imu, tra le gabelle contenute nel bilancio di previsione, già approvato in giunta e che sarà portato in discussione in consiglio comunale lunedì 30 luglio, farà ingresso per la prima volta l’Irpef. La mazzata «che sta preparando il Comune esporrà i cittadini ad oltre 1,5milioni di tasse che andranno a rimpinguare le casse comunali».
In questi giorni, infatti, spiega Mauro Di Bonaventura del Pd dalla visione della delibera di giunta e dagli atti preparatori per il bilancio di previsione 2012, «si è appreso quello che il delegato De Sanctis sta predisponendo per il bilancio 2012 sull’ Imu e sull’introduzione dell’addizionale Irpef che il comune di Tortoreto non aveva mai introdotto».
Ecco che cosa bisogna aspettarsi: l’Imu sarà al 4,5 per mille (rispetto alla proposta nazionale un aumento dello 0,05) per la prima casa, e del 9,2 per mille per tutto il resto (rispetto alla proposta nazionale un aumento del 1,6 mille). In più l’addizionale Irpef dello 0,80% per i redditi superiori ai 33mila euro.
«Questi sono interventi irricevibili dal Pd», è il commento di Di Bonaventura, «e profondamente vessatori ed iniqui. Nessun accordo sul bilancio di previsione 2012 tra maggioranza e Pd che si continua a chiedere come sia possibile aver approvato il bilancio consuntivo 2011 senza avere uno straccio di relazione che comprovasse le somme che l’ex dipendente ha rubato (il riferimento è al dirigente del servizio finanziario Pasqualino Saccuti dimessosi ed indagato per peculato)».
Inoltre, sempre secondo il gruppo, la giunta Monti «non prevede esenzioni per i redditi più bassi, per chi oggi ha perso e non riesce a trovare lavoro, né principi di proporzionalità nell’applicazione dell’imposta».