Non paga il canone, il Comune revoca concessione balneare a stabilimento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3710

TORTORETO. L’Ufficio Demanio del Comune di Tortoreto ha revocato la concessione demaniale marittima alla titolare, residente in provincia di Teramo, per non aver mai ritirato il permesso di costruire.

Inoltre alla base del provvedimento vi sarebbe anche il mancato pagamento dei canoni demaniali e dell’imposta regionale per gli anni 2009 e 2010.

In sintesi il beneficiario della concessione avrebbe dovuto realizzare un complesso balneare a sud del litorale tortoretano ma il mancato inizio della gestione (il permesso di costruire era stato rilasciato a febbraio del 2008) ed il mancato pagamento dei canoni dovuti per il 2009 e 2010 (richiesti con raccomandata) per un totale di 80.185 euro, hanno comportato la decadenza della stessa concessione. Oltretutto il concessionario non ha provveduto al rinnovo nemmeno della polizza fideiussoria necessaria.

Il provvedimento di revoca trova fondamento nell’articolo 47 del Codice della navigazione che prevede la decadenza del concessionario per mancata esecuzione delle opere prescritte nell’atto di concessione o per mancato inizio della gestione nei termini assegnati e per omesso pagamento del canone per il numero di rate fissato.

La titolare, per giustificare i ritardi nonché le varie omissioni, ha accampato motivi inerenti al suo stato di salute contestando anche l’ammontare del canone e delle annualità previste. Eccezioni respinte però dall’ufficio competente.

«Si tratta di un atto dovuto nell’ottica di un servizio che va reso alla collettività locale e turistica», spiega l’assessore comunale al Demanio Federico Di Lorenzo, «c’è anche una questione di opportunità che chi intende avviare un’attività balneare deve cogliere nel momento in cui ottiene la concessione. Ora attenderemo il decorso dei termini degli eventuali ricorsi (in scadenza il 12 febbraio prossimo) perché l’area torni nella disponibilità del Comune. Si provvederà poi ad avviare le procedure per concedere a terzi richiedenti la concessione».

25/01/2011 14.41