Pineto, via libera alla quarta farmacia comunale

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1382

PINETO. Il Consiglio Comunale di Pineto ha deliberato nell’ultima seduta l’istituzione della quarta farmacia cittadina che avrà una valenza comunale.

Via libera anche alla costituzione della società che avrà il compito di gestire la struttura. La nuova farmacia sorgerà nel popoloso quartiere di Borgo Santa Maria e sarà a servizio anche del borgo antico di Mutignano dove resterà aperto comunque il dispensario farmaceutico.

«Abbiamo dato il via libera per questo nuovo e importante servizio», ha spiegato l’assessore Alberto Dell’Orletta, «avevamo la necessità di dare delle risposte importanti ad un quartiere in forte crescita. Dopo il dispositivo favorevole della Regione ci siamo da subito attivati per accelerare l’iter burocratico. Con la costituzione della società “Farmacia Comunale Pineto” abbiamo posto un tassello ben preciso che ci consente ora di organizzare tutto il resto».

L’assessore Dell’Orletta è fiducioso anche perché il Comune ha già individuato, dopo un’attenta ricognizione, i locali che dovranno ospitare la nuova farmacia cittadina. Si procederà con un contratto di locazione con il privato proprietario dello stabile. Ma l’idea è quella di poter costruire un domani un edificio che accolga la farmacia comunale.

«Sì, in effetti la nostra intenzione è proprio questa», conclude l’assessore Dell’Orletta, «abbiamo comunque un quadro esatto della situazione. Di certo la struttura, che intendiamo inaugurare prima della prossima estate, offrirà tutti i servizi che una farmacia è in grado di garantire all’utenza. Tra le iniziative che vorremmo portare avanti con la nuova farmacia comunale, anche la possibilità di istituire un centro unico di prenotazione e un centro prelievi. Altro aspetto importante è che la società che gestirà la farmacia comunale avrà anche il compito di mantenere operativa la struttura del dispensario di Mutignano. Quindi nessun disagio per i residenti del nostro centro storico, visto che c’era il rischio che il dispensario farmaceutico potesse essere chiuso».

25/01/2011 14.36