Polizia sequestra una bisca clandestina a Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1875

TERAMO. Una vera e propria bisca clandestina è stata scoperta dalla polizia di Teramo.  * SEQUESTRATO RESIDENCE "FANTASMA" ABITATO A CORROPOLI

Sei persone (D.B.P. di 61 anni, D.G.A. di 47 anni, P.P.di 53 anni, S.U.di 67 anni, A.G. di 60 anni), tra cui il presidente del circolo privato (G.M.R. di 43 anni) sono state denunciate dalla squadra mobile di Teramo per gestione e partecipazione al gioco d'azzardo, mentre il circolo e' stato sequestrato.

Il blitz della polizia e' scattato ieri sera in via dell'Aereoporto a Teramo. I poliziotti stavano monitorando gia' da un po' di tempo l'esterno del circolo cittadino (che risultava essere sede di associazioni culturali e ricreative) appurando che, durante le ore serali, diverse persone accedevano all'interno. Ieri, approfittando dell'apertura della porta d'ingresso da parte della donna addetta al servizio bar per gettare la spazzatura, la polizia ha fatto irruzione. Gli agenti hanno trovato numerose persone tra le quali alcune sedute ai tavoli verdi, in una sala adibita a vera e propria bisca, mentre giocavano d'azzardo con le carte ed i soldi. E' stato sequestrato denaro contante per 1.500 euro, alcuni mazzi di carte, delle fiches e vari foglietti manoscritti come prova del gioco d'azzardo. A conclusione degli accertamenti, il locale e' stato sottoposto a sequestro preventivo ed i responsabili denunciati.

19/01/2011 15.50

[pagebreak]

 SEQUESTRATO RESIDENCE "FANTASMA" ABITATO A CORROPOLI

 
CORROPOLI. Un intero residence "fantasma", completamente abusivo, e' stato sequestrato dai carabinieri della stazione di Corropoli diretti dal maresciallo Francesco Farinaro.

Il complesso abitativo, corredato di piscina ed ampio parcheggio in corso di realizzazione si trova in via Cisterna a Corropoli in una zona rurale sottoposta a vincolo archeologico e paesaggistico. Il sequestro preventivo del complesso edilizio e' stato convalidato dalla magistratura teramana che indaga sul proprietario dell'immobile, N.G. di 83 anni di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) e sul gestore del residence D.C. di 55 anni di Alba Adriatica (Teramo).

Sono indagati a vario titolo di abuso edilizio, evasione fiscale ed altri reati urbanistici e tributari. Infatti, secondo i riscontri finora emersi dall'indagine d'iniziativa dei carabinieri corropolesi, l'intera costruzione composta da 11 appartamenti, tutti occupati, e' stata realizzata senza alcun titolo autorizzativo ed in totale difformita' anche rispetto ai piani urbanistici e rispetto alla normativa nazionale in materia. La collina retrostante la struttura ricettiva fantasma e' stata sbancata per fare posto ad un ampio parcheggio. Va aggiunto, poi, che gli occupanti delle strutture per i quali i carabinieri dovranno ora procedere allo sgombero sono sconosciuti alle autorita' comunali. Il titolo di locazione dei singoli alloggi, sprovvisti anche dei requisiti igienico-sanitari, risulta inesistente configurando reati fiscali e tributari.

Il complesso ha un valore di circa 500mila euro.

19/01/2011 15.52