Rifiuti. La federazione della sinistra contro il l’amministrazione Pd di Roseto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2003

ROSETO. «La politica del Pd di Roseto rischia di far fallire il Cirsu, il Consorzio Intercomunale dei Rifiuti Solidi Urbani, e far ritrovare ai rosetani un milione e mezzo di euro da pagare dopo le elezioni».

 È quanto denuncia la federazione della Sinistra di Roseto.

 L’amministrazione monocolore Pd di Roseto, secondo la Federazione della sinistra starebbe nascondendo le proprie responsabilità e i propri errori,  strebbe incidendo pesantemente sull’aumento del debito del Comune già non florido.

Al momento l’amministrazione rosetana non ha avviato un vero e proprio discorso critico sulla propria politica sui rifiuti a fronte di risultati effettivamente conseguiti forse troppo scarsi.

Impietoso il commento della sinistra:«l’amministrazione ha fallito in pieno la gestione del sistema rifiuti e si ostina a non riconoscere tali errori solo per motivi elettorali, scaricando a chi verrà dopo il peso di risolvere una situazione debitoria ormai drammatica».

«Nell’ultima delibera in tema rifiuti portata in consiglio a Roseto», continua la Federazione della Sinistra, «la nostra amministrazione non dice nulla e purtroppo sembra solo mascherare e procrastinare una triste realtà per i rosetani: il fatto che sta accumulando sempre più debiti che ricadranno su tutta la cittadinanza all’indomani delle elezioni che si terranno a maggio 2011, quando l’amministrazione comunale avrà accumulato debiti per oltre un milione e mezzo di euro con il Cirsu».

Per la federazione della Sinistra si tratta di un «ennesimo esempio di mala amministrazione» anche perché poi chi paga le conseguenze sono sempre i cittadini che vedono le strade colme di immondizia a fronte di «una tassazione in costante aumento e i lavoratori Sogesa che vedono a rischio ogni mese il proprio stipendio».

I dipendenti della Sogesa, società incaricata dalla Cirsu per la raccolta rifiuti, hanno incrociato le braccia più volte nei mesi scorsi per il mancato stipendio e il mancato rispetto degli accordi, con l’ovvia ripercussione dell’accumulo dei rifiuti sulle strade.

«Secondo le nostre stime, - conclude la nota - la Tarsu aumenterà ancora, probabilmente un aumento di gran lunga superiore a quello del giugno scorso».

e.f.  04/01/2011 16.25