Prg Roseto, opposizione: «sindaco e giunta aprano alla trasparenza»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1878

ROSETO. «La capacità di mistificare i fatti da parte del Partito Democratico è sconcertante».

I gruppi consiliari Liberalsocialisti e Popolo della Libertà del Comune di Roseto si scagliano contro il Pd locale.

Dopo i ripetuti inviti alla riflessione ed al confronto sulla variante al piano regolatore da parte di tutti i gruppi di opposizione (PdL-Liberalsocialisti-IdV-SeL-Verdi/Comunisti Italiani) si punta il dito contro una «serie di interessi che coinvolgono componenti del Pd, ne infuenzano l’operato e rappresentano evidentemente la vera ragione delle forzature politiche e delle violazioni procedurali attuate».

E i gruppi di minoranza tirano in ballo anche l’ex dirigente dell’Ufficio tecnico comunale che ha definito la variante «una proposta da buttare nella discarica dei rifiuti pericolosi».

«Una valutazione condivisa», dicono Liberalsocialisti e Pdl, «che non può essere ignorata, soprattutto nel contesto della totale divergenza politica ed istituzionale causata da un Pd isolato ed arrogante. In tale situazione, anziché prodigarsi nell’ennesima bugia, il sindaco, eletto peraltro da una maggioranza politica di cui oggi è privo, dovrebbe essere garante del rispetto di regole condivise rispettando con questo anche coloro che, contro il parere di molti dei suoi attuali compagni di viaggio, hanno (purtroppo) determinato la sua elezione».

L'opposizione chiede al primo cittadino di chiarire le ragioni «di tanta fretta insensata» e di «dichiarare pubblicamente di non avere parenti interessati e, neanche indirettamente, rapporti con altri soggetti interessati dalla variante al Prg e che di conseguenza è del tutto casuale che costruttori e cittadini per i quali ha svolto (o svolge) attività professionale, traggono beneficio dalla variante medesima».

La stessa richiesta viene fatta all'assessore all’Urbanistica, nonché presidente della Commissione Consiliare del Prg, e gli altri componenti della Giunta e del Consiglio Comunale «notoriamente attivi nel settore dell’edilizia».

28/12/2010 17.23