Ex lsu in sciopero della fame, «alla Befana tutti ad Arcore»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1898

TERAMO. Da due giorni una delegazione degli 11 ex lsu della Val Vibrata è in sciopero della fame a rotazione.

I lavoratori chiedono «rapidi, puntuali e sinergici» interventi delle Istituzioni governative a tutti i livelli, «visto e considerato il fatto che», spiega Settimio Ferranti del comitato 'Dalla parte giusta', «né l’assessorato al lavoro della regione Abruzzo e né il ministero del Lavoro hanno trovato il tempo di incontrarsi per effettuare la convenzione da circa 100.000 euro».

Ferranti inoltre informa che se non dovesse bastare lo sciopero della fame, sin dalle prime ore dell’alba del 1 gennaio 2011, i lavoratori utili, a rotazione, passeranno anche a quello della sete ad oltranza, davanti le residenze del dirigente regionale Giuseppe Sciullo, dell’assessore al Lavoro d’Abruzzo Paolo Gatti e del presidente della giunta regionale d’Abruzzo Gianni Chiodi, dove una delegazione di lsu si incatenerà.

«Quest’ennesima azione di sensibilizzazione si rende necessaria - continua il presidente Ferranti - per responsabilizzare ed impegnare il governo regionale abruzzese e quello nazionale, a mettere in campo le sinergie interistituzionali e per far in modo che gli 11 lavoratori utili, mamme, donne, padri e famiglie della Val Vibrata, possano avere una continuità del reddito ed una stabilizzazione lavorativa certa e duratura e/o un incentivo - più che giusto - per l’esodo volontario dal bacino regionale che consenta loro di vivere un’esistenza libera e dignitosa».

Ferranti annuncia inoltre, che se entro l’Epifania, il premier Berlusconi non impegnerà il delegato al Lavoro, Maurizio Sacconi, per un’urgente convenzione e il presidente Chiodi non farà altrettanto con il delegato al Lavoro, Paolo Gatti, una delegazione di Lsu della Val Vibrata si recherà ad Arcore (Monza e Brianza) per effettuare un sit-in con incatenamento e continuazione dello sciopero della fame e della sete ad oltranza, davanti al portone di Villa San Martino, dove una befana vibratiana, consegnerà cenere e carbone al premier.

28/12/2010 9.46