Rotatorie Silvi, il Tar dà ragione al Comune sull’esproprio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1960

SILVI .  Il Tar di Pescara ha respinto il ricorso di un privato che chiedeva al comune di Silvi il risarcimento dei danni causati dall’occupazione e dall’esproprio parziale di un’area di proprietà del ricorrente.

In quell’area l’amministrazione comunale ha costruito la rotatoria sud, ai confini con Città Sant’Angelo. La sentenza è stata pubblicata ieri dalla sezione staccata di Pescara del Tar Abruzzo, dopo il ricorso presentato un anno fa dal privato e in cui chiedeva un risarcimento pari a 190 mila euro in quanto l’opera pubblica avrebbe compromesso parte della sua proprietà ove ricade un capannone industriale. Secondo la sentenza il comune di Silvi ha agito in tutta legittimità,  avendo regolarmente approvato il progetto di approvazione della rotatoria nel maggio 2006 e nel febbraio 2007 deliberato l’esproprio delle aree.

Il comune di Silvi è stato difeso dall’avvocato Carlo Scarpantoni di Teramo e ha visto la soddisfazione dell’amministrazione comunale e dell’assessore ai lavori pubblici Enrico Marini che ha affermato «si è conclusa così a favore del Comune questa diatriba giudiziaria che l'hanno visto contrapposto nel merito di un’opera molto importante per la viabilità di Silvi che includeva anche la costruzione dell’altra rotatoria al bivio per Atri e la nascita del centro di educazione stradale in zona Piomba, un’opera in cui ho creduto molto ed è stata finanziata dalla regione Abruzzo nell’ambito della sicurezza stradale».

 17/12/2010 13.40

 LA SENTENA INTEGRALE