Pineto, 4 milioni di euro di investimenti con fondi europei

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1231

PINETO. Quattro milioni di euro di investimenti nel settore dei lavori pubblici senza intaccare le casse comunali.

 

E’ il piano di investimento varato dall’amministrazione comunale di Pineto che realizzerà nei prossimi 8-12 mesi una serie di opere importanti, a cominciare dai lavori di realizzazione della nuova caserma dei carabinieri, in via Filiani, il cui costo è di circa 900mila euro. Si tratta dell’opera più costosa prevista in elenco. I lavori verranno eseguiti grazie all’intervento di un privato in base all’accordo sul piano di recupero dell’ex Ira. Altri 565 mila euro verranno investiti per la sistemazione della zona Ponno, soprattutto per quanto riguarda la canalizzazione delle acque bianche e il rischio idrogeologico. 450 mila euro invece è la somma che verrà spesa per la realizzazione di una piazza nel quartiere Corfù.

«La cosa importante», ha sottolineato l’assessore ai lavori pubblici Nerina Alonzo,«è che non andremo a prelevare un solo euro dalle tasche dei cittadini di Pineto. Né intaccheremo le nostre casse. Si tratta, infatti, di fondi che arrivano in alcuni casi dall’Unione Europea, in altri da finanziamenti regionali o con investimenti da parte di privati. Abbiamo quindi fatto un po’ il punto della situazione e abbiamo visto che recuperando queste somme saremo in grado di realizzare alcune opere importanti per la nostra città».

Tra gli investimenti programmati, anche 500 mila euro per la sistemazione della zona di Santa Maria a Valle, adeguando in modo particolare la viabilità. 250 mila euro è la somma che verrà messa a disposizione per il distretto culturale di Scerne di Pineto, 150 mila per la realizzazione dell’impianto di illuminazione nella zona artigianale. «Non dimentichiamoci poi di Parco Filiani», ha aggiunto l’assessore Alonzo, «qui i lavori sono già stati avviati e presto quest’area, che si sviluppa su una superficie complessiva di circa 4 ettari, verrà messa a disposizione della collettività. E vedrete che capolavoro verrà fuori». Particolare attenzione verrà prestata anche per il borgo antico di Mutignano dove verranno a breve investiti 100 mila euro. Qui sorgerà anche un piccolo parco pubblico attrezzato.

«Ci sono poi tante altre piccole opere», ha concluso l’assessore ai lavori pubblici, «come ad esempio gli 85 mila euro che verranno spesi per la sistemazione della rotonda sud, i 50 mila che serviranno per il completamento dell’Ecocentro. Non si tratta, sia chiaro, di opere che non vedranno la luce, poiché la disponibilità economica e finanziaria già c’è. L’unica cosa da fare è solo quella di procedere con gli appalti. E nei prossimi mesi tutti i lavori saranno avviati».

04/11/2010 15.37