Pineto, Rifondazione contro Monticelli: «mutato il suo programma elettorale sull'Urbanistica»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2126

PINETO. Rifondazione Comunista a maggio ha rotto con la coalizione Pineto democratica sui temi urbanistici.

 

Oggi la consigliera Ida Nardi attacca: «è mutato il programma elettorale di Monticelli e la maggioranza è implosa». Tema spinoso degli ultimi mesi l'Urbanistica, oggetto del Consiglio comunale tenutosi il 29 settembre scorso.

Rifondazione Comunista ha presentato tre mozioni: in una si invitava l’ufficio preposto a definire tutte le pratiche di condono depositate per accertare gli eventuali abusi, in una seconda si richiedeva l’approvazione della variante parziale al PRG (Piano agricolo) considerato che a seguito dell’adozione della stessa sono pervenute solo 23 osservazioni e in una terza mozione si richiedeva la riapertura dei termini dell’avviso sindacale datato 29.03.2009 (componenti commissione programmi complessi) sia per l’ «inefficacia del bando», sia per «l’evidente inopportunità di procedere alla nomina dell’unico curriculum pervenuto in quanto soggetto in palese conflitto d’interesse». Nella stessa mozione si voleva impegnare il Consiglio su un punto centrale del programma riguardante la modifica del regolamento programmi complessi in modo «da escludere rispetto a quest’ultimo gli interventi di iniziativa privata».

Durante il Consiglio «il sindaco», ricostruisce Nardi, «impone alla maggioranza di rigettare le tre mozioni e lo seguono solo in 8. E' evidente che la sua maggioranza è implosa». La consigliera di Rifondazione Comunista domanda perchè non si vogliono accertare gli eventuali abusi edilizi celati dietro alcune domande di condono: «l’intento è quello di tutelare qualcuno?». «Non era», continua, «il fiore all’occhiello di tutta l’amministrazione il lavoro svolto per l’adozione del Piano agricolo? Penso sia legittimo chiedersi il perché dell’inerzia dell’attuale assessore all’urbanistica Luciano Monticelli». «E' perfino clamorosa», aggiunge Nardi, «la svolta d’indirizzo in merito alla modifica del regolamento sui programmi complessi.E’ ridicolo e assurdo dare seguito al bando, con l’eventuale nomina dell’unico partecipante, in quanto in tema di conflitto d’interesse accosterebbe la Giunta Monticelli ai metodi berlusconiani».

«Paradossale», poi, sempre secondo la consigliera di Rifondazione, «la posizione di Marta Illuminati (uscita da Rifondazione per sostenere la Giunta Monticelli ed approdata a SeL ) la quale la mattina si definisce “indignata” per l’immobilismo dell’amministrazione sui temi riguardanti la programmazione territoriale la sera poi, insieme ai fedelissimi del sindaco, vota il respingimento di tutte le mozioni».

11/10/2010 9.36