Asl Teramo nuovo logo donato gratuitamente «da un amico del manager Varrassi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3371

TERAMO. Non si sa chi lo ha fatto (per ora), né quanto è costato. La cosa certa è che la Asl di Teramo si è dotata di un nuovo logo.

TERAMO. Non si sa chi lo ha fatto (per ora), né quanto è costato. La cosa certa è che la Asl di Teramo si è dotata di un nuovo logo.

Ma il dirigente dell’ufficio relazioni con il pubblico, Bruno Cipollone, assicura: «è stato fatto gratis». Dal primo gennaio 2012 la dicitura «Ausl 4 Teramo il meglio è nel tuo Territorio» con marchio, campeggia su tutti i documenti formato cartaceo e non. Non si tratterebbe di una scelta di marketing ma di una mossa necessaria.

Una scelta, si legge in delibera, dovuta al passaggio della denominazione dell’azienda da Azienda Unità sanitaria locale 106 Teramo in Azienda Sanitaria Locale numero 4 Teramo.

E la delibera numero 1345 del 30/12/2011 ad oggetto “Adozione logo azienda unità sanitaria locale 4 Teramo” chiarisce l’operazione.

La decisione del nuovo logo, adottata dal direttore generale dell’Asl di Teramo Giustino Varrassi ha ricevuto il benestare del collegio di direzione nella seduta del 27 settembre 2011. Il motivo del cambiamento di logo «è la deliberazione del 5 gennaio 2010 con cui sarebbe stata modificata la denominazione dell’ azienda da Azienda Unità sanitaria locale 106 Teramo ad Azienda Sanitaria Locale numero 4 Teramo».

Dal primo gennaio 2012, secondo la delibera, la nuova denominazione ed il logo devono essere riportati su tutto il materiale cartaceo e non e l’Urp (ufficio relazioni con il pubblico) avrà il compito mandato «di curare l’ampia diffusione dello stesso».

Nessun riferimento però ai costi o alla società o alla ditta che avrebbe curato il logo «semplicemente perché è stato realizzato a gratis», dice il dirigente dell'ufficio relazioni con il pubblico, Bruno Cipollone interpellato da PrimaDaNoi.it. «Per non spendere soldi», continua, «i lavori sono stati affidati da Varrassi ad un “amico”, una persona conosciuta, fidata». E alla domanda se si tratti o meno di personale interno, Cipollone risponde che «non sa nulla di preciso, che è stato deciso nella seduta del collegio di direzione del 27 settembre scorso e che più in là, se i vertici lo riterranno opportuno daranno maggiori informazioni».

09/01/2012 16:27