Bilancio di previsione 2012: via libera a Roseto. Pd si astiene

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1692

ROSETO. Il consiglio comunale di Roseto degli Abruzzi ha approvato il documento economico programmatico per l'anno alle porte.

Un bilancio 2012 «all'insegna dell'equità, senza aumentare nessun tributo locale e mantenendo tutti i servizi e le azioni già avviate», si commenta con soddisfazione da Palazzo di Città.

«Nonostante la proroga a marzo data dal Governo, l’Amministrazione ha deciso di approvare il bilancio di previsione entro i termini di fine anno per avere la possibilità di una programmazione efficace dal punto di vista economico finanziario il 2012 – ha sottolineato il vice sindaco Alfonso Montese – a fronte di una criticità dovuta ai debiti di circa 38 milioni di euro e ai contenziosi di circa 5 milioni, il nuovo bilancio contiene una riforma strutturale che punta alla riduzione dei debiti, nei prossimi tre anni, di 3 milioni 800 mila euro».
Quattro gli indirizzi contenuti nel bilancio: la conservazione dei servizi già attivi, niente aumenti di tariffe, l’attivazione del porta a porta entro settembre e il potenziamento della manutenzione e messa in sicurezza del territorio.
Il bilancio contiene poi una serie di previsioni propedeutiche alle linee di indirizzo come il recupero dell’area di evasione, l’alienazione di beni comunali (farmacia comunale, locali ex Pruust, ex Mattatoio, scuole dimesse). Per lo sviluppo si guarda alla Consulta del Turismo e all’Ente Manifestazione per il rilancio del turismo. Altro tema rilevante è la Riserva. L’amministrazione conta di dare il via al nuovo Piano di assetto naturalistico e di conseguenza di nominare il Comitato di gestione per dare in via all’area protetta. Altro aspetto importante è l’attivazione dei programmi complessi in edilizia privata in particolare per le aree Catarra, Branella, Diodoro e ex Casal Thaulero. Dopo il via libera per l’aggiornamento del Piano spiaggia di Roseto si procederà con la revisione del piano demaniale di Cologna Spiaggia, quando sarà stata esclusa dalla riserva.
Per il rilancio del commercio, dopo l’annullamento delle licenze per il commercio estivo su aree demaniali è stata decisa la delocalizzazione del mercato rionale del giovedì sul lungomare centrale. Delocalizzazione anche per il mercatino estivo in Pineta che sarà trasferito in zona pontile. Si farà il parcheggio in Via Cristoforo Colombo mentre è in procinto la stesura di un nuovo regolamento per la zona artigianale dell’autoporto con la possibilità di avviare anche attività commerciali ora non possibili.
Per i programmi a lungo termine spicca il completamento del Corridoio verde Adriatico con la pista ciclabile tra Roseto e Cologna , per cui sarà chiesto a Regione e Provincia di destinare appositi fondi ministeriali dirottandoli dal progetto che collega Teramo a Giulianova. Sarà inoltre attivata una Task Force per l’iter relativo alla variante sulla SS 16.
Il Consiglio ha poi approvato la delibera con la quale si da mandato al II Settore per avviare la procedura per la nuova fase della raccolta differenziata porta a porta con la gara d'appalto per l’individuazione della ditta da incaricare. «Questo atto sarà affiancato dall'emanazione di una nuova ordinanza del sindaco per l'estensione del servizio per tutta Roseto capoluogo – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Fabrizio Fornaciari - un altro passo avanti per migliorare l'ambiente della nostra città».
«Con grande rammarico, devo dire ancora una volta che il Pd si è astenuto e non ha dato il voto favorevole – ha commentato il sindaco Enio Pavone – così dopo vari annunci di aumenti nel 2010 che dovevano servire per il porta a porta mai attivato, ora che lo sta facendo questa amministrazione il Pd ha fatto mancare il proprio voto». Approvata inoltre la delibera che definisce gli indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, aziende e istituzioni: «anche questo è un importante segno di democrazia – ha commentato il sindaco – perchè si evita la discrezionalità del passato facendo nomine rispondenti a precisi requisiti».

 30/12/2011 09:58