Nereto, soldi disponibili per campo sportivo. Il Comune è pronto, i comitati preoccupati

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2002

NERETO. 300.000 euro subito disponibili e 400.000 promessi.

E’ il budget su cui il Comune di Nereto conta per rimettere in sesto il centro sportivo “Romeo Menti” . Un’operazione di rilancio per un totale di 700.000 euro. Ad esprimere dubbi sul costo complessivo dell’opera, sul suo reale completamento e funzionalità è il comitato cittadino “Giù le mani dal Menti”.

Il progetto, in base allo studio di fattibilità degli uffici tecnici comunali, prevede la realizzazione di una struttura sportiva polivalente con annessi locali da adibire a “Museo della radio” e una sala convegni e manifestazioni con circa 300 posti a sedere oltre ad un regolamentare campo da calciotto, una struttura polivalente sportiva tennis/pallavolo, un’area di ristoro e verde pubblico. Un’ opera mastodontica che secondo la tabella di marcia del Comune può contare sui primi 300.000 ottenuti dalla Tercas per l’anno 2012. Altri 400.000 euro, sempre di provenienza Tercas arriveranno per le annualità 2013-2014. La preoccupazione è che quella somma subito disponibile (circoscritta alla sola realizzazione della struttura polivalente e non anche delle strutture sportive previste nello studio di fattibilità), sia a malapena sufficiente per realizzare lo scheletro della struttura e che quindi l’edificio si aggiunga al triste novero delle incompiute. Neanche il sindaco, Stefano Minora, intervenuto ieri in un incontro al municipio alla presenza dei capigruppo consiliari Maria Grazia Tonelli, Giuliano Di Flavio, Gesulmino Di Berardino, Luciano Giansante e Giuseppe Fagotti e Marino Trabucco e Galileo Foschi per il comitato, è riuscito a rassicurare.

«Pur apprezzando lo sforzo profuso da questi amministratori», conclude il comitato, «per giungere ad una soluzione che possa accontentare le diverse esigenze sociali del nostro Paese siamo fortemente convinti (e non solo noi ma anche i capigruppo consiliari) che cantierizzare quella immensa area solo perché abbiamo trovato 300.000 euro pronti sull’unghia equivale ad un autentico suicidio».

20/12/2011 10:09