Parcheggi al Mazzini di Teramo, per i dipendenti Asl 1300 euro all’anno per la sosta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2386

TERAMO. La Asl di Teramo inaugura 500 posti nel nuovo parcheggio del presidio ospedaliero “Mazzini” stabilendo a 70 centesimi ogni ora la tariffa per i dipendenti.

La tariffa desta molta preoccupazione in quanto per i dipendenti del presidio tramano si trasformerebbe in un dover sostenere una tassa in più: a tariffa piena, dovrebbero sostenere almeno 120 euro in più al mese per un totale di oltre 1300 euro annui.

«Per i prossimi due anni», denuncia la Fp Cgil, «i rinnovi dei contratti del pubblico impiego sono bloccati e sono impediti anche gli avanzamenti economici di carriera e per parcheggiare e andare a lavorare i dipendenti in servizio presso la sede teramana potrebbero dover sopportare ulteriori riduzioni di stipendio».

Per tale ragione il sindacato chiede alla Asl di Teramo di stipulare convenzioni con tariffe ulteriormente ridotte per arrivare a massimo di 15 euro al mese. L’accesso al parcheggio potrebbe avvenire, tramite il badge del dipendente e la somma potrebbe essere decurtata direttamente dalla busta paga.

Si chiede, inoltre, alla Asl di Teramo, così come avviene in altre strutture sanitarie pubbliche del nord, di garantire comunque parcheggi riservati ai dipendenti vicino alle caldaie e al sanatorio smentendo, così, la voce che li avrebbero chiusi e adibiti a verde pubblico.

«Ritenendo che la questione sia importante e rilevante per la tutela dei lavoratori», la Fp Cgil di Teramo si rende disponibile a eventuali incontri, «ma altrettanto schiettamente informa che è disposta a contrastare con forza ulteriori riduzioni di stipendio a danno dei lavoratori della ASL». 19/12/2011 12:26