Basket. Amatori-Palestrina: dopo un overtime esulta Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2539

     

PESCARA. Ci sono voluti 5 minuti di gioco in più per decidere la sfida del PalaElettra tra Amatori e Pallacanestro Palestrina, ma dopo il supplementare sono stati i pescaresi ad esultare per la vittoria 108 a 99. Una vittoria importante che fa il paio con quella di domenica scorsa a Potenza contro Bernalda e conferma i progressi visti sia in Lucania, sia giovedì in amichevole contro San Severo.

Ma non sono tutte rose e fiori. I biancorossi di coach Razic si sono infatti complicati la vita nei minuti finali di quarto quarto dilapidando un vantaggio in doppia cifra e lasciando a Lorenzetti l'opportunità di infilare la tripla del pareggio a 12” dalla fine, anziché far fallo come chiesto dal tecnico montenegrino. Sciupato l'ultimo possesso dei tempi regolamentari, nell'extratime ancora due conclusioni pesanti del numero 12 laziale hanno dato a Palestrina un vantaggio di due punti (92-94) fortunatamente vanificato dal pareggio di Simone Pepe e sparigliato da un tiro da tre punti di un ispirato Maino (99-96 a 2' dalla fine). Un minuto più tardi lo stesso play campano, autore di 10 punti nel supplementare, ha di fatto chiuso la contesa infilando il canestro del +6 (105-99 al 44').

Pescara può certamente essere felice dei punti portati a casa, dell'autorità con cui ha condotto per lunghi tratti l'incontro e di come ha reagito quando il vento sembrava essere girato. Ha avuto cinque giocatori in doppia cifra (Pepe 21, Comignani 20, Di Carmine e Diener 16, Mlinar 12), contro una formazione con più chili e centimetri ha vinto il confronto a rimbalzo (43 a 33), ha attaccato bene contro la zona proposta frequentemente dal coach avversario e nei momenti di difficoltà si è fatta forza spinta dal numeroso pubblico presente. Resta però da recriminare per la grossa occasione fornita agli avversari che per poco non sono riusciti a fare bottino pieno. A giocatori di categoria come Lorenzetti (18 punti), Riva (21) o Ricciardi (top scorer con 34 punti  e 7/14 dal campo) non bisogna dar la possibilità di girare la partita o di prendere fiducia, nemmeno quando lo striscione del traguardo sembra ormai prossimo e il vantaggio incolmabile.

Un insegnamento di cui far tesoro quanto prima perché gli avversari sono pericolosi ogni domenica e fra una settimana c'è da affrontare la Viola Reggio Calabria, compagine accreditata per il salto di categoria che, dopo aver perso all'esordio contro la Stella Azzurra Roma, negli ultimi due turni ha regolato Potenza e Agropoli (a domicilio). L'Amatori che, mercoledì sarà ospite a Civitanova Marche per una amichevole, tornerà a giocare al PalaElettra il 23 ottobre contro la Innotec Potenza.

10/10/2011 8.12