Il Pescara a Sassuolo. Zeman: «da migliorare concentrazione ed attenzione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2631

 

PESCARA. Allenamento ieri mattina per i biancazzurri e subito partenza alla volta di Sassuolo, dove il Pescara è atteso oggi nel turno infrasettimanale di serie B.

Solita emergenza soprattutto in difesa per Zdenek Zeman, che dovrà rinunciare a Pinsoglio, Capuano e Insigne, convocati in nazionale under 21 ed agli infortunati Romagnoli e Verratti. Potrebbe recuperare Petterini mentre è tutta da valutare la situazione di Anania, uscito malconcio nel match di sabato con l'AlbinoLeffe. In preallarme ci sono Cattenari e Cappa. Torna tra i disponibili Bocchetti, che quasi certamente partirà dal primo minuto: speriamo di recuperare qualcuno. Certo questo non è un buon momento per quanto riguarda gli infortuni.

«Abbiamo giocato alla grande per oltre un'ora» – racconta il tecnico Zdenek Zeman – «poi l'ultima mezz'ora ha rovinato tutto quello che di buono avevamo fatto in precedenza. Siamo ricaduti in errori di deconcentrazione e ci siamo accontentati del risultato».

«Negli ultimi 30 minuti abbiamo commesso degli errori gravi che non dovranno più ripetersi» – va avanti Zeman – «perché eravamo avanti di 5 gol e non li abbiamo pagati ma in altre partite potrebbero costarci care».

Caratteristica del Pescara di inizio anno è stata quella di giocare un calcio spettacolare e produttivo soprattutto nella prima ora di gioco, seguita da un calo vistoso nell'ultima mezz'ora: «dobbiamo cercare di fare la stessa partita con attenzione e concentrazione lungo tutto i 90 minuti di gioco. Quando non giochiamo al massimo veniamo puntualmente puniti. Con l'AlbinoLeffe abbiamo giocato un grande primo tempo per aggressività e motivazione ed in avanti ci siamo proposti più volte».

«Resta la delusione per l'ultima mezz'ora» – va avanti il tecnico boemo – «ho cercato di gridare e richiamare la squadra ma non è servito a nulla. Non mi è piaciuto e ci sarà molto da lavorare per il futuro».

Il Pescara, per confermare la tradizione consolidata del proprio allenatore, ha ora il miglior attacco ed una delle peggiori difese numeri alla mano: «non contano per il lavoro che faccio ma certo 3 gol non sono da prendere al di là delle reti che si realizzano».

«Questa squadra se gioca come sa» – conclude Zeman – «può competere alla pari con tutte, soprattutto se giochiamo con la stessa intensità e concentrazione lungo tutti i novanta minuti di gioco».

In vista del match col Pescara anche il Sassuolo ha ripreso gli allenamenti dopo la trasferta di Varese. I neroverdi, proprio come gli adriatici, dovranno fare a meno di diversi elementi importanti. Su tutti i giovani Valeri e Laribi, impegnati in nazionale, Terranova e Rea.

Infine sono in vendita nel consueto circuito vendita i tagliandi per il prossimo match interno, sabato, contro il Cittadella.

 Andrea Sacchini  04/10/2011 7.21