Serie B. Il Pescara di Zeman vola all'Adriatico e supera 2-0 il Crotone

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3697

PESCARA. Il Pescara all'Adriatico vola e supera in scioltezza 2-0 il Crotone. Una rete per tempo per Marco Sansovini, che finalmente si è sbloccato all'ottavo del primo tempo ed al 13esimo della ripresa.

Un Pescara che vince e soprattutto diverte e fa divertire. In sostanza la missione che il tecnico Zdenek Zeman ha intrapreso sin da quando si è insediato sulla panchina biancazzurra.

Squadra tecnicamente e fisicamente di livello superiore a quella dell'anno scorso che ha trovato che con il guru boemo, la cui mano è palese soprattutto negli schemi con e senza palla, nell'inserimento dei centrocampisti e nelle continue sovrapposizioni dei terzini, sembra davvero aver trovato la quadratura del cerchio.

Un entusiasmo del genere in riva all'Adriatico davvero non si respirava dai tempi di Galeone, quando il profeta vinceva e soprattutto faceva divertire il pubblico biancazzurro, anche oggi accorso numeroso allo stadio Adriatico.

Un avvio di campionato meraviglioso, al di là delle più rosee aspettative, che proietta il Pescara ai piani alti della classifica. 4 partite, compresa quella di oggi col Crotone, che hanno messo in luce le grandi qualità tecniche, comportamentali e soprattutto umane di un gruppo che fin'ora ha davvero fatto il massimo.

Col Crotone bene anche la retroguardia, che rischiato poco o niente sugli sterili e velleitari tentativi degli avanti calabresi.

Nel primo tempo avvio fulmineo del Pescara. Dopo un paio di buone situazioni in area crotonese, all'ottavo i biancazzurri passano già in vantaggio. Gran pallone di Togni defilato per Sansovini, stop di petto e botta secca in acrobazia sul primo palo dove Bindi non può nulla.

Dieci minuti dopo da posizione decentrata conclusione al volo ancora di Sansovini con pallone abbondantemente alto sulla traversa. Al 27esimo ancora il bomber numero 9 protagonista con una rasoiata dal limite che manca di un nulla il bersaglio grosso.

Al 35esimo occasione d'oro per il Pescara. In azione di contropiede Immobile viene steso a terra in piena area di rigore da Bindi. Penalty sacrosanto e cartellino giallo per l'estremo difensore ospite. Dal dischetto però Immobile centra il palo ed il risultato resta sull'1-0.

Prima del riposo ci prova da distanza siderale Kone con palla sul fondo.

Nella ripresa stesso canovaccio dei primi 45 minuti di gioco. Possesso palla ed attacchi del Pescara con il Crotone contratto ed incapace di affacciarsi dalle parti dell'inoperoso Pinsoglio.

Dopo un paio di tentativi di Sansovini, lo stesso attaccante adriatico realizza il punto del definitivo 2-0 al minuto 13. Questa volta è maestoso Immobile che addomestica al limite dell'area un pallone e lo gira con grande classe sui piedi di Sansovini che a tu per tu con Bindi insacca.

Fino al 20esimo dilaga il Pescara che si divora almeno 3 nitide occasioni da rete in situazione di tu per tu col portiere, 2 volte Sansovini ed una con Cascione.

Al minuto 25 forse l'unica vera palla gol per gli ospiti nasce da un grossolano errore in disimpegno di Brosco che da il là al contropiede del Crotone. Caccavallo però, da ottima posizione davanti a Pinsoglio, schiaccia troppo il tiro ed il pallone termina di un nulla sull'esterno della rete.

Prima del triplice fischio ancora applausi e spettacolo per una rovesciata di Immobile, che da 2 passi esalta i riflessi di Bindi.

Con questo successo il Pescara sale a quota 9 in classifica generale. 9 punti che sarebbero potuti essere 12 su 12 senza il furto perpetrato ai danni dell'undici di Zeman non più di una settimana fa a Modena. Sabato prossimo altro test difficilissimo per il Pescara, che farà visita alla Reggina oggi corsara 3-1 a Gubbio. Uscire indenni dal Granillo, al di là del successo amaranto di oggi, sicuramente non sarà impresa da poco ma tutto è possibile per il Pescara di questo avvio di stagione, determinato e capace di qualsiasi risultato.

TABELLINO

PESCARA (4-3-3): Pinsoglio; Balzano, Brosco, Capuano, Bocchetti (41'st Giacomelli); Kone, Cascione, Togni (23'st Gessa); Sansovini (41'st Giacomelli), Immobile, Insigne. A disposizione: Cattenari, Romagnoli, Nicco, Maniero. Allenatore: Zeman.

CROTONE (4-3-3): Bindi; Correia, Tedeschi, Migliore, Vinetot; De Giorgio (8'st Gabionetta), Florenzi (1'st Caetano), Eramo; Loviso, Caccavallo, Djuric (19'st Sansone). A disposizione: Belec, Terigi, Galardo, Ciano. Allenatore: Menichini.

ARBITRO: Ciampi della sezione di Roma. Presenti sugli spalti 10.600 spettatori.

Andrea Sacchini   10/09/2011 18.19