A Teramo Interamnia World Cup 2011: 5 continenti uniti nello sport

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5379

TERAMO. Si chiama Interamnia World Cup ed è il torneo giovanile internazionale di handball che ogni anno(dal 1973) si svolge a Teramo e nei comuni della provincia.

Un appuntamento che anche quest’anno, dal 4 al 10 luglio, vedrà giovani atleti e sportivi(dai 9 ai 21 anni) dei cinque continenti (Africa, America, Asia, Europa ed Oceania) gareggiare in tornei di basket, baseball, calcio, ginnastica, pattinaggio, nuoto, pallavolo, rugby, tennis e atletica leggera.

Uguaglianza, solidarietà e rispetto, sono questi i messaggi al centro della scena e che, attraverso una stretta di mano “sportiva” metteranno d’accordo nazionalità così diverse e distanti culturalmente e geograficamente.

Uniti nello sport ma diversi per realtà socio economica, i concorrenti si incontreranno nella “città aperta al mondo”, così Teramo è stata ribattezzata dall’ Unicef nel 1989. Non a caso, infatti, la partita simbolica “squadre della pace” vedrà atleti di Paesi nemici sfidarsi sportivamente (in passato Libano e Israele,  Iran vs Iraq, Cina e Taiwan).

Non sarà solo lo sport ad animare le giornate ma ci saranno anche eventi culturali ed artistici, letterari, enogastronomici e folkroristici. Quest’anno, infatti, accanto al gruppo di danzatori giordani Al Ahli Dance Troupe Ensamble di Amman, ci sarà la mostra-evento “Specchio specchio delle mie brame chi è il più pop del reame”, promossa dall’associazione Art& e allestita al Museo di Torre Bruciata.  Quattro professionisti e artisti teramani Marco Pace, Mauro Di Giulio, Bruno Chiodi, Imeria Centinaro promuoveranno l’arte e la cultura attraverso le loro diverse sfaccettature: pittura, scultura, artigianato artistico, arredo e architettura.

Una miscellanea di espressioni nella giornata dello sport. Ma l’Interamnia World Cup sta già organizzando il suo quarantesimo compleanno che cadrà nel 2012. E per l’evento ha in mente grandi cose. Saranno presenti  le città insieme ai loro sindaci (200 città e almeno 100 sindaci stretti in un abbraccio).

Verranno coinvolti il Ministero degli Affari Esteri, del Turismo e della Gioventù, nonchè il Presidente della Repubblica, chiamato a  presenziare l’evento. Dopo l’ accoglienza delle delegazioni straniere e sindaci delle città del mondo(sarà presente anche il primo cittadino di Hiroshima), ci sarà una parata nel centro storico di Roma.

Per l’occasione sarà indetto un bando internazionale per la creazione di un logo che simboleggi i valori espressi da Interamnia in 40 anni. Dal punto di vista logistico organizzativo verranno allestite strutture ad hoc per accogliere le squadre provenienti da tutto il  mondo (hotel, camping, villaggi turistici) e ci sarà un decentramento su scala regionale attraverso lo svolgimento di gare nei capoluoghi di Pescara, Chieti e L’Aquila.

Teramo diventerà, per quell’occasione, la caput mundi dello sport.


09/07/2011 9.30