Bomba, conclusi i campionati di Canoa e Kayak: organizzatori soddisfatti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2385

BOMBA. Si è chiusa la tre giorni a Bomba dei Campionati Nazionali di Canoa – Kayak.

Ancora una volta l’Abruzzo ha offerto una organizzazione in tema di manifestazioni sportive. Un lago di Bomba che, oltre ad offrire alle circa 3000 persone che in questi giorni hanno assistito ai campionati, dopo i Giochi del Mediterraneo e gli assoluti, si candida ad assumere un ruolo importante nell’ambito di questa disciplina.

«Non sono io che devo dire come sono andati questi campionati», afferma il presidente del Comitato Organizzatore di Bomba 2010, Seca,«ma, dando un’occhiata generale e sentendo un po’ le voci in giro, possiamo dire che l’evento ha avuto un grande successo. Abbiamo avuto numeri importanti, un grosso coinvolgimento e devo ringraziare le amministrazioni regionali e provinciali, la comunità montana, i nostri partner, per averci dato un importante contributo per l’organizzazione. Poi dobbiamo dire che è stata una manifestazione valorizzata dallo splendore di questo lago e di questi posti e non dimentichiamoci che per la prima volta la Federazione ha unito in un unico evento, in un’unica sede, tutte le categorie. Quanto al futuro – conclude Seca – di certo il lago di Bomba può rappresentare un bacino importante per le federazioni di canoa e canottaggio».

Tanta soddisfazione anche all’interno della Fick. «E’ stata una scommessa vinta – ha detto il vice presidente federale Ruggero De Gregori – parlo di scommessa perché stiamo parlando di un lago assolutamente bello, ma con poca esperienza di queste competizioni. Dopo i Giochi del Mediterraneo avevamo promesso che avremmo fatto qui qualcosa di importante ed abbiamo mantenuto la parola. La scommessa è stata vinta».

 Anche ieri big in acqua per le finali. Medaglia d’oro per l’attesissima campionessa Josefa Idem che ha trionfato nel K1 500 metri. Purtroppo poi l’olimpionica ha dovuto rinunciare alla finale dei 1000 per un risentimento muscolare avvertito durante i 500. Doppio trionfo invece per Maximilian Benassi (medaglia di bronzo sui 5000 metri ai recenti mondiali di Poznan) che si è aggiudicato sia i 500 che i 1000 metri. La sfida tra i fratelli Facchin nel K4 200 e 500 metri è stata invece vinta da Andrea, il veterano tra i tre, insieme a Benedini, Ricchetti e Scaduto (Fiamme Gialle). Nel K4 500 metri femminile, titolo di campione d’Italia per l’Aniene con Murabito, Petracca, Fiorini e Introini. Stefania Cicali delle Fiamme Azzurre ha invece vinto il K1 1000 metri

 20/09/2010 7.57