Delfino Pescara. Di Francesco: «dobbiamo migliorare ma i fischi non ci aiutano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1454

PESCARA. Consueta amichevole infrasettimanale per il Pescara che ha superato ieri 7-0 gli Allievi biancazzurri.

 Doppiette per Soddimo e Sansovini e gol singoli di Maniero, Bucchi e Ganci. Imbarazzo della scelta dunque in avanti per il tecnico Di Francesco che, per quanto visto nella sgambata pomeridiana, è rimasto soddisfatto dall'impegno e dalle condizioni fisiche di tutte le punte. Per quanto riguarda la formazione, in difesa possibile avvicendamento tra Diamoutene ed Olivi, con quest'ultimo in vantaggio per affiancare l'intoccabile Mengoni. A centrocampo invece è stato provato nel mezzo il duo composto da Cascione e Verratti. Scontata la presenza sugli esterni di Gessa e Bonanni mentre in avanti, al fianco di Sansovini, possibile sorpresa Maniero che si gioca un posto con Bucchi.

Non si sono allenati Sembroni e Nicco mentre hanno lavorato a parte invece Stoian, Ariatti e Giacomelli.

«La partita con il Frosinone è stata decisa dagli episodi» – racconta Eusebio Di Francesco – «che sono stati sfavorevoli al Pescara. Certo se avessimo vinto ora staremmo a parlare di tutt'altra cosa. Al di là delle ultime 2 partite la squadra è nella posizione di classifica che merita».

«Basta vedere la classifica per capire che tutto è ancora possibile» – prosegue Di Francesco – «ci sono tantissime squadre in pochi punti. Questo dimostra l'equilibrio dell'attuale serie B ed il fatto che ogni squadra, non solo il Pescara, in tutta la stagione ha dovuto affrontare alti e bassi. Per quanto riguarda il Pescara l'unico rimpianto riguarda le tante partite che abbiamo giocato senza diversi giocatori importanti a centrocampo».

Parecchi tifosi hanno storto il naso circa le prestazioni e soprattutto l'atteggiamento del Pescara in campo in occasione delle ultime 2 partite con Ascoli e Frosinone: «non ci sto a sentire certi discorsi. L'integrità morale della squadra non è affatto in discussione. Potevamo fare qualcosa di più nelle ultime 2 partite, ma certo ci sono rimasto male dei fischi del pubblico già dopo pochi minuti. Dobbiamo pensare a lavorare anche se questa atmosfera pesante non aiuta il gruppo ad esprimersi al meglio in campo».

Conclusione dedicata al futuro: «dobbiamo dare il meglio in queste ultime 5 partite. Dobbiamo mettercela tutta perché abbiamo tutte le carte in regola per far bene. Non dobbiamo fare programmi ma guardare partita per partita. Senza guardare il risultato mi aspetto che il Pescara metta in campo tutto quello che ha soprattutto a livello caratteriale».

 Andrea Sacchini  28/04/2011 10.04