SERIE B

Finalmente un bel Pescara! All’Adriatico la Pro Vercelli si inchina 3-1

Doppietta di Pettinari e gol di Capone. Il Delfino si avvicina alla zona play-off

WhatsApp PdN 328 3290550

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

291

Finalmente un bel Pescara! All’Adriatico la Pro Vercelli si inchina 3-1

 

 

PESCARA. Con una prova convincente sotto tutti i punti di vista, il Pescara supera allo stadio Adriatico 3-1 la Pro Vercelli e dà un calcio deciso alle critiche delle ultime settimane.

Quindicesima formazione diversa in altrettante giornate per il Delfino, con Zeman che a questo giro promuove titolari Zampano, Carraro e Palazzi. Davanti a Fiorillo linea difensiva a 4 con Crescenzi, Fornasier, Perrotta e Mazzotta. A centrocampo inamovibile Brugman, con Palazzi e Carraro a completare la cerniera centrale. In avanti fiducia a Capone e Mancuso ai lati di Pettinari. Sempre più oggetto misterioso Ganz, fiore all’occhiello della campagna acquisti estiva e praticamente mai utilizzato dal tecnico boemo in queste prime 15 giornate.

Speculare 4-3-3 per la Pro Vercelli, con Grassadonia che affida il compito di far male al tridente Vajushi-Firenze-Rajcevic. Indisponibile il grande ex della gara Mammarella, protagonista di tanti derby negli anni passati con la casacca della Virtus Lanciano.

Avvio deciso del Pescara che dopo una serie di buoni palloni nel mezzo non sfruttate dalle punte, al 3’ coglie una traversa clamorosa con Pettinari di testa. Sulla ribattuta Capone spara debolmente tra le braccia di Marcone. Al 7’ ci prova da fuori Brugman che non inquadra lo specchio della porta. Un minuto dopo Mazzotta sfonda sulla sinistra e da posizione decentrata costringe Marcone al primo decisivo intervento della giornata.

Dopo un dominio totale dei biancazzurri, al 17’ il primo brivido per la porta di Fiorillo. Germano dal limite senza marcature spara sul fondo. È il chiaro segno di un Pescara in calo dopo le tantissime energie profuse nei primi minuti di gioco.

Al 27’ sugli sviluppi di un corner autentico miracolo di Fiorillo a mano aperta che dice di no a un colpo di testa in mischia di Castiglia.

Al 37’ Delfino vicino al vantaggio su errore grossolano di Marcone, che su tiro velleitario di Brugman da distanza siderale si lascia sfuggire il pallone che per un nulla non rotola oltre la linea. Sono i segnali del vantaggio biancazzurro che arriva puntuale al minuto 38. Cross perfetto di Crescenzi per la testa di Pettinari che insacca alle spalle del portiere.

Al 45’ in contropiede il bomber pescarese ha l’occasione per il 2-0 ma su assist di Palazzi in equilibrio precario spara altissimo.

Nella ripresa parte meglio la Pro Vercelli pur senza creare occasioni gol pulite. È invece il Pescara ad andare nuovamente vicino al raddoppio al 3’ con Palazzi, che da fuori è impreciso.

Al 5’ tiro telefonato di Vajushi con Fiorillo che blocca senza problemi.

Al 10’ il raddoppio del Pescara. Palla profonda per Pettinari che con un tocco sotto dolcissimo scavalca Marcone in uscita e realizza il 2-0.

Al 15’ Capone chiude la gara a porta praticamente sguarnita su assist nel mezzo di Mancuso.

Sembra tutto finito, poi il neo-entrato Morra manda a spasso Fornasier e beffa in uscita Fiorillo per il punto della bandiera. L’undici di Zeman sbanda ma non si scompone e anzi va anche vicino al poker qualche minuto dopo con Mancuso che dal limite non inquadra lo specchio della porta su splendida azione corale.

Succede poco o nulla nel finale, con il Pescara che contiene agevolmente una Pro Vercelli incapace di pungere.


 

PESCARA-PRO VERCELLI 3-1 (primo tempo 1-0)

 

MARCATORI: 38’pt e 10’st Pettinari (P); 15’st Capone (P); 20’st Morra (V).

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Crescenzi, Fornasier, Perrotta, Mazzotta; Palazzi (25’st Valzania), Carraro, Brugman; Capone, Pettinari, Mancuso. A disposizione: Pigliacelli, Kanoutè, Ganz, Benali, Zampano, Coda, Elizalde, Cappelluzzo, Coulibaly, Del Sole, Baez. Allenatore: Zeman.

PRO VERCELLI (4-3-3): Marcone; Berra, Legati, Bergamelli, Barlocco (24’st Ghiglione); Altobelli, Germano (21’st Rocca), Castiglia; Vajushi (16’st Morra), Firenze, Raicevic. A disposizione: Nobile, Konate, Bifulco, Gilardi, Pugliese, Grossi, Della Morte, Polidori, Bruno. Allenatore: Grassadonia.

ARBITRO: Fabio Piscopo della sezione di Imperia (Chiocchi-Sechi).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 5mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Perrotta. Espulsi: nessuno. Recupero: 1’pt; 3’st.

 

Andrea Sacchini