SERIE B

Tra Cremonese e Pescara vince la noia. 0-0 e tanti sbadigli

Un palo di Brugman nel nulla. Altro pareggio che muove la classifica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

119

Tra Cremonese e Pescara vince la noia. 0-0 e tanti sbadigli


CREMONA. Al termine di una gara tutt'altro che memorabile per spettacolo e contenuti tecnici e apprezzabili, Pescara e Cremonese non si fanno male e impattano 0-0.

Inizia con il piglio giusto la Cremonese, che fin dall'avvio con forte pressing sui portatori di palla biancazzurri più volte arriva alla conclusione verso lo specchio della porta. Al 4' da posizione privilegiata Piccolo non inquadra il sette. Al 5' gran botta di Pesce dal limite su sponda di un compagno di squadra e sfera che incoccia la traversa.

Molli e senza mordente, i biancazzurri subiscono passivamente l'iniziativa dei padroni di casa, meglio disposti in campo e soprattutto più vivaci dalla metà campo in su.

Al 28' Pigliacelli non è perfetto su cross dalla destra di Pesce ma per fortuna del Pescara il tentativo di Arini che termina in rete viene frustrato dalla netta posizione irregolare ad azione in corso di Paulinho.

Per vedere il primo tiro verso lo specchio della porta dell'undici di Zeman bisogna addirittura arrivare al minuto 34, con un destro di Brugman che termina docile tra le braccia di Ujkani.

Al 39' ancora Brugman dai 25 metri calcia alto. Al 41' Pettinari da pochi passi spara addosso al portiere, poi sul capovolgimento di fronte Paulinho a tu per tu con Pigliacelli esalta i riflessi dell'estremo difensore adriatico.

Bassi ritmi nella ripresa, con il primo tiro che arriva al 4' con Piccolo che da posizione decentrata spara sul fondo.

Al 16' a colpo quasi sicuro Castrovilli centra in pieno Brugman nel cuore dell'area di rigore.

Girandola di cambi con Zeman che prova a cambiare il volto al suo Pescara inserendo Baez e Kanoutè per gli insufficienti Del Sole e Valzania.

La musica però è sempre la stessa, con la squadra imballata e protagonista di errori tecnici imbarazzanti negli appoggi e nella costruzione della manovra.

Al 32' fiammata ospite con Brugman, che da fuori colpisce il palo. Sulla respinta Pettinari insacca ma in posizione irregolare. In pieno recupero decisivo Ujkani nel deviare in corner una punizione diretta all'incrocio di Kanoutè,




CREMONESE-PESCARA 0-0 (primo tempo 0-0)


MARCATORI: nessuno.

CREMONESE (4-3-1-2): Ujkani; Almici, Canini, Marconi, Renzetti; Pesce, Cavion, Arini; Piccolo (15'st Castrovilli); Brighenti (39'st Scappini), Paulinho (21'st Mokulu). A disposizione: Ravaglia, Procopio, Salviato, Castrovilli, Mokulu, Davino, Perrulli, Scarsella, Macek, Cinelli, Garcia. Allenatore: Tesser.

PESCARA (4-3-3): Pigliacelli; Zampano, Bovo, Coda, Mazzotta; Coulibaly, Brugman, Valzania (17'st Kanoutè); Del Sole (27'st Baez), Pettinari (35'st Ganz), Capone. A disposizione: Fiorillo, Crescenzi, Balzano, Benali, Elizalde, Fornasier, Carraro, Cappelluzzo. Allenatore: Zeman.

ARBITRO: Francesco Fourneau della sezione di Roma 1 (Cecconi-Robilotti).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 2.500 spettatori con circa 200 ospiti. Ammoniti: Paulinho, Coda, Marconi, Brugman. Espulsi: nessuno. Recupero: 1'pt; 5'st.


Andrea Sacchini