SERIE B

Pescara, l'ennesima occasione sprecata. A Salerno finisce 2-2

Avanti di 2 gol, il Delfino si fa riprendere nel finale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

248

Pescara, l'ennesima occasione sprecata. A Salerno finisce 2-2


SALERNO. Dopo il pari col Frosinone, altri 3 punti gettati alle ortiche per il Pescara di Zeman, che avanti di 2 gol si fa riprendere sul pari dalla Salernitana negli ultimi 10 minuti.

Dopo neanche un minuto occasionissima per la Salernitana. Assist di Ricci per Sprocati che da posizione decentrata costringe Pigliacelli al primo prodigio della giornata.

Padroni di casa subito aggressivi sui portatori di palla biancazzurri, in chiara difficoltà nelle verticalizzazioni e nel capovolgere con rapidità e imprevedibilità la manovra.

Dopo lo spavento iniziale e la sorpresa di una Salernitana pimpante, col passare dei minuti è il Pescara a prendere in mano il pallino del gioco creando in più occasioni i presupposti per far male. Al nono sfuma un contropiede interessante di Zampano, poi a cavallo del decimo minuto 2 punizioni dal limite mettono i brividi ma non sorprendono il portiere campano Radunovic (splendido il secondo intervento su tacco di Perrotta).


È però la Salernitana a costruire le occasioni da gol più limpide approfittando del consueto piazzamento imbarazzante della difesa ospite. Al 13' Vitale scherza con Coda al limite e tutto solo davanti a Pigliacelli spara alle stelle.

Al 17esimo limpida chance per il Pescara. Lancio profondo per Mazzotta, cross col contagiri per la testa di Pettinari che in tuffo sfiora il palo. È il miglior momento dell'undici di Zeman che 60 secondi dopo sfiora ancora il punto dell'1-0 con Del Sole, che a giro dal limite non centra di un nulla il sette.

Al 25' i biancazzurri passano in vantaggio. Zampano trova un varco sulla destra e pesca nel mezzo Capone che a porta sguarnita insacca e certifica un dominio piuttosto marcato nel gioco e nel palleggio.

Reazione sterile e improduttiva della Salernitana, che al 37' va vicina di nuovo alla capitolazione. Dal limite rasoiata di Del Sole che costringe Radunovic allo strepitoso intervento in corner.

Nella ripresa subito un cambio per parte con Proietti che alza bandiera bianca per infortunio (dentro Carraro) e Alex che prende il posto di un nervosissimo Perico per un 4-3-3 granata ancora più offensivo.

Il Pescara non corre grandi rischi nel primo quarto d'ora ma la difesa è sempre da brivido. Al 17' il neo entrato Zito mette i brividi a Pigliacelli con un destro al volo che termina di poco sul fondo. È il segno che fisicamente i biancazzurri non sono più freschi e pimpanti come nella prima ora di gioco e col passare dei minuti lasciano sempre più spazio ed iniziativa alla Salernitana.

Al 21' incredibile chance dilapidata dai padroni di casa. Perrotta perde palla da ultimo uomo e favorisce il contropiede granata con conclusione finale di Bocalon che viene salvata sulla linea da Perrotta.

Al 27' il punto del 2-0 pescarese nel momento di maggiore pressione della Salernitana. Classica azione zemaniana, difesa di Bollini in bambola e palla nel cuore dell'area per Pettinari che insacca a porta praticamente vuota.

Sembra chiusa ma al 33' la Salernitana rientra in gioco. Da distanza siderale il destro a giro di Sprocati prima bacia il palo interno poi lentamente entra in rete: 2-1.

Brividi per il Pescara che al 43' rischia su incursione di Zito che da pochi metri spara addosso a Pigliacelli. È il preludio del pari che arriva al minuto 45. Assist di Vitale direttamente su punizione per Minala che firma il 2-2 in mischia. Dopo il 3-3 col Frosinone, l'ennesima rimonta subita.



SALERNITANA-PESCARA 2-2 (primo tempo 0-1)


MARCATORI: 25'pt Capone (P); 27'st Pettinari (P); 33'st Sprocati (S); 45'st Minala (S).

SALERNITANA (4-3-3): Radunovic; Perico (1'st Alex), Bernardini, Tuia, Vitale; Ricci, Minala, Della Rocca (16'st Zito); Pucino (32'st Rodriguez), Bocalon, Sprocati. A disposizione: Adomis, Mantovani, Signorelli, Goncalves, Kiyime, Schiavi, Di Roberto, Asmah, Rossi, Cicerelli. Allenatore: Bollini.

PESCARA (4-3-3): Pigliacelli; Zampano, Coda, Perrotta, Mazzotta; Proietti (1'st Carraro), Brugman, Coulibaly (33'st Kanoutè); Del Sole, Pettinari, Capone (22'st Benali). A disposizione: Fiorillo, Crescenzi, Balzano, Bovo, Ganz, Valzania, Cappelluzzo, Baez. Allenatore: Zeman.

ARBITRO: Federico Della Penna della sezione di Roma 1 (Dei Giudici-Colarossi).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 10mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Perico, Coulibaly, Tuia, Pettinari, Perrotta. Espulsi: nessuno. Recupero: 1'pt; 4'st.




Andrea Sacchini