PRONTI, VIA

Serie B. Zeman inizia col botto. Il Pescara fa a pezzi 5 a 1 il Foggia

Tripletta Pettinari, Benali e Mancuso. Primi 3 punti stagionali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

788

Serie B. Zeman inizia col botto. Il Pescara fa a pezzi 5 a 1 il Foggia

PESCARA. Il Pescara segna, soffre e poi dilaga 5 a 1 sul Foggia. Impossibile iniziare meglio, con il Delfino più cinico ed efficace di un Foggia bello a tratti ma non cattivo sotto porta. Avvio subito incisivo del Pescara, che al terzo con Pettinati già va vicino al punto dell'uno a zero. Palla profonda per Pettinati che tutto solo davanti a Guarna si lascia anticipare dalla pronta uscita dell'estremo difensore pugliese.

La partenza a spron battuto dell'undici di Zeman impressiona il Foggia, incapace di sfuggire al pressing asfissiante dei centrocampisti biancazzurri, che sbanda e viene colpito con il meritato vantaggio dei padroni di casa. Proietti recupera un pallone velenoso sulla trequarti e innesca la velocità di Pettinati che questa volta vince il duello con Guarna: 1-0 al minuto 7. È un Pescara straripante che sfiora il 2 a 0 al minuto 12 con un gran destro da fuori di Brugman su assist di Capone: decisivo Guarna in corner.

Al 16' la prima iniziativa degli ospiti. Dalla sinistra Fedato si accentra e costringe agli straordinari Pigliacelli. Sul capovolgimento di fronte Koulibaly da buona posizione non inquadra lo specchio della porta. La partita resta molto viva ma col passare dei minuti è visibile la crescita del Foggia, che al 20' costruisce ma fallisce una clamorosa palla gol. Prima Chiricó impegna Pigliacelli, poi sul proseguo dell'azione il portiere è strepitoso sul secondo tentativo di Deli. 3 minuti dopo Fedato da fuori sfiora il bersaglio grosso.

Al 27' torna a farsi vivo il Pescara con Pettinari che esalta i riflessi di Guarna. Il finale di frazione è di marca rossonera, vicino al pari in un altro paio di occasioni con Fedato: ancora strepitoso Pigliacelli.
Al 45' Chiricó da fuori sfiora il bersaglio grosso.
Nella ripresa subito un doppio cambio per Zeman, conscio del momento di difficoltà dei suoi: fuori Capone e Koulibaly e dentro Palazzi e Benali. È però sempre il Foggia a fare la partita. Al quinto tentativo di Chiricó e altro prodigio di Pigliacelli. Al nono altro duello vinto da Pigliacelli.
Nel miglior momento del Foggia però il Pescara colpisce e fa 2 a 0 al minuto 12. Fuga di Crescenzi e palla in area per Pettinari che non sbaglia.

Al 18 addirittura i biancazzurri calano il tris con Venali, pescato alla perfezione in area da Mazzotta.
Nel finale ci prova ancora il Foggia ma senza costrutto. Anzi è ancora il Pescara ad andare in rete con Mancuso, che appena entrato a giro non ha dato scampo a Guarna e poi ancora con Pettinari per il 5 a 0. Poi finalmente il punto della bandiera foggiana con Gerbo.