IN VASCA

Piscina Provincia Pescara, la gestione nelle mani del Club Acquatico

Marco D’Altrui nello staff tecnico con l’ olimpico di Vuckovic

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

146

Piscina Provincia Pescara, la gestione nelle mani del Club Acquatico

PESCARA. Nuovo progetto dell'ASD Club Aquatico Pescara per la piscina provinciale di Pescara.

«Finalmente il Club Aquatico trova una sede idonea per sviluppare il proprio progetto sportivo – ha affermato il presidente Antonio Di Marco - e noi avremo una società di alto livello, altamente qualificata con persone che si sono specializzate nella gestione di questi sport, per gestire al meglio la nostra struttura, con Marco D'Altrui affiancherà l'esperto allenatore montenegrino Vasko Vuckovic ad avviare il progetto Swim&Play nella Piscina Provinciale. Qui si avvierà una gestione orientata allo sport ma anche al sociale, con una proposta insieme».

Grazie alla recente acquisizione tramite bando di gara della piscina provinciale di Pescara, il progetto proseguirà sia con le attività agonistiche della FIN (Federazione Italiana Nuoto): campionati di Pallanuoto, le partecipazioni ai campionati italiani nel nuoto sincronizzato ed un ottima squadra giovanile di nuoto sia con quelle della FINP (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico). Il progetto Swim&Play ha come base l’idea di unire e condividere le esperienze dei tecnici nelle varie discipline (Vasko Vuckovic, Marco D’Altrui, Marzena Kulis, Cristina Celiberti) acquatiche al fine di proporre un’attività formativa multidisciplinare. La riapertura della Piscina Provinciale di Pescara è certamente il luogo ideale dove far sviluppare questo progetto innovativo.
«Il Club Aquatico Pescara, ad oggi è senza dubbio una delle società di riferimento nel panorama natatorio della città - ha spiegato il presidente Riccardo Fustinoni - e condividerà la nuova gestione della piscina provinciale con le migliori realtà sportive della regione come il Club L’Aquila Nuoto, che risulta per la sua storia la società di nuoto più anziana della regione e la Uisp Abruzzo e Molise, che per organizzazione sul territorio è un indiscusso punto di riferimento. Insieme vogliamo anche dare un segnale diverso nell’hinterland come modalità di gestione della struttura, ovvero un taglio meno commerciale e più orientato al sociale mettendo in rilievo l’aspetto della formazione dello sport nei giovani e senza distinzione di classe, età e categorie sociali. Da questo obiettivo nasce la “Piscina per tutti” che si concretizza con un piano di tariffe contenute ed una proposta multidisciplinare ovvero: nuoto, pallanuoto, nuoto sincronizzato, salvamento, nuoto per disabili e triatlhon. Lo staff tecnico pronto a tutti i livelli verrà ampliato con gruppo di allenatori, nuovi tecnici FIN, FINP, FITRI e con l’inserimento di nuove figure di profilo elevato per un programma tecnico pluriennale. Da questo nuovo progetto partiranno diverse opportunità di lavoro, di crescita per studenti del liceo sportivo e con proposte specifiche in ambito del salvamento. Non tralasceremo degli importanti obiettivi organici, ricreando un ambiente fertile prendendo esempio dai campioni che hanno portato in alto il nuoto e la pallanuoto all’interno della società come Marco D’Altrui, che in passato sono stati motivo di vanto per la città e per tutto lo Stivale».

Sarà il nuovo tecnico Marco D’Altrui ad affiancare Vask Vuckovic, insieme avvieranno il progetto Swim&Play nella piscina provinciale. D’Altrui ha fatto parte del Pescara, l’unica squadra di pallanuoto in Italia ad aver vinto almeno una volta in tutte le competizioni continentali. Nella squadra di pallanuoto pescarese hanno militato campioni mondiali e olimpici, e, in generale, grandi nomi della pallanuoto italiana ed estera oltre a D’Altrui, c’erano i fratelli Roberto e Alessandro Calcaterra, Amedeo Pomilio, Francesco Attolico e lo spagnolo Manuel Estiarte.

«Da quando ho smesso di giocare alleno i ragazzi – ha detto D’Altrui – e ricominciare da loro significa pensare in chiave positiva verso il futuro, per costruire un gruppo forte e compatto come quello di qualche anno fa. Il progetto tecnico Swim&Play si fonda sull’avviamento degli atleti all’agonismo praticando sin da piccoli il nuoto e la pallanuoto. Questo fa sì che l’atleta maturi da subito il massimo delle esperienze tecnico-motorie e di gruppo (relazionali) così da portare allo scoperto le proprie attitudini e ad indirizzare o consigliare al meglio sulla disciplina da praticare. Potremo dare a tutti un’importante base natatoria e faremo apprendere l’importanza del lavoro di gruppo (tipica della Pallanuoto) e dello spirito di sacrificio del singolo (tipica del nuoto) con benefici evidenti».