DISFATTA

Lega Pro. L'Aquila crolla 3-1 a Rimini e retrocede in Serie D

Gara tragica. Gli abruzzesi chiudono addirittura in 9 uomini

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

168

Calcioscommesse. Deferiti 29 club tra cui L’Aquila calcio e 52 tesserati




RIMINI. L'Aquila perde 3-1 a Rimini, esce sconfitta dal doppio confronto play-out e retrocede in Serie D.

Verdetto stagionale ingiusto per gli aquilani, che sul campo senza i punti di penalizzazione avrebbero centrato una salvezza facile e tranquilla. Il Rimini però ha meritato di più nel doppio confronto, costruendo la vittoria dei play-out soprattutto nel match di ritorno, dominato in lungo e in largo anche in parità numerica.

Nel primo tempo 2 buone occasioni per i padroni di casa. Al 17' assist perfetto di Varrutti per Albertini che da buona posizione manca l'impatto con la sfera. L'azione prosegue e anche Carcuro liscia tutto solo davanti a Scotti. Al 20' altra buona chance per il Rimini. Di Molfetta dal limite non inquadra lo specchio della porta. Al 34' la più ghiotta occasione per i romagnoli. Polidoro da 2 passi prende il palo, sul proseguo dell'azione altro legno biancorosso. È il preludio del vantaggio che arriva a chiusura primo tempo, nell'episodio che deciderà le sorti della gara e della stagione degli abruzzesi. Scotti atterra in area Polidori: rigore e soprattutto cartellino rosso per l'estremo difensore dell'Aquila. Dal dischetto Mancino non sbaglia battendo Savelloni (subentrato per Mancini A., ndr).

In inferiorità numerica per il resto della gara diventa quasi impossibile per i rossoblù rimontare 2 gol (con il pareggio il Rimini sarebbe salvo per la migliore classifica maturata nella stagione regolare, ndr). Al 4' padroni di casa ad un passo dal 2-0. Cross di Albertini per l'anticipo di Polidori che però non inquadra lo specchio della porta.

Al 21' il Rimini chiude match e pratica salvezza. Traversone preciso di Carcuro per Polidori che libero da marcature insacca.

Al 24' L'Aquila accorcia le distanze con una gran botta da fuori di Mancini.

A 10 dalla fine gli abruzzesi restano addirittura in 9 per l'espulsione anche di Maccarone e al 43' il Rimini sigla il punto del 3-1 con Mancino.


RIMINI-L'AQUILA 3-1 (primo tempo 1-0)


MARCATORI: 48'pt su calcio di rigore e 43'st Mancino (Ri); 21'st Polidori (Ri), 24' Mancini (Aq).

RIMINI (4-3-3): Azzolini; Pedrelli, Laliscki, Martinelli, Varuti; Esposito (40'st Torelli), Carcuro, Albertini (11'st Bifulco); Mancino, Polidoro, Di Molfetta. A disposizione: Mignani, Signorini, Mingucci, Marin, Puccio, Leonetti, Fall, Nigretti, Anacoura. Allenatore: Acori.

L'AQUILA (3-5-2): Scotti; Maccarone, Cosentini, Piva; Triarico, De Francesco (17'st Stivaletta), Bensaja, Mancini, Ligorio (28'pt Bruno); De Sousa, A. Mancini (46'pt Savelloni). A disposizione: Bigoni, Sieno, Di Mercurio, Diktevicius, Milicevic, Perna, Faal, Pesoli, Zandini. Allenatore: Perrone.

ARBITRO: Fabio Piscopo della sezione di Imperia.

NOTE: Presenti sugli spalti circa 2mila spettatori (circa 500 da L'Aquila). Ammoniti: Maccarone, Bensaja. Espulso: 45'pt Scotti (Aq); 36'st Maccarone (Aq). Recupero: 3'pt; 5'st.


Andrea Sacchini