SERIE B

Salvezza appesa ad un filo. La Virtus Lanciano ora “tifa” Pescara

I rossoneri dovranno fare la corsa sul Modena. Servono almeno 4 punti  

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

158

Salvezza appesa ad un filo. La Virtus Lanciano ora “tifa” Pescara

LANCIANO. Con il morale sotto i tacchi per gli ultimi negativi risultati e per una classifica che vede ingiustamente i rossoneri a 3 lunghezze di distanza dalla zona play-out e salvezza, i giocatori agli ordini di Maragliulo hanno ripreso ieri gli allenamenti in vista del match decisivo di sabato con la Ternana. In settimana andranno attentamente valutate le condizioni di Aquilanti, uscito malconcio domenica negli ultimi minuti del primo tempo. Da monitorare attentamente anche la situazione Marilungo, che potrebbe rientrare regolarmente in gruppo.

È chiaro che il poker subito a Pescara pesa come un macigno rispetto il ko di sette giorni prima al Biondi con l'Avellino, ma i rossoneri più volte in questo campionato hanno dimostrato di essere capaci di uscire da momenti di grande crisi. Giunti a soli 180 minuti dalla fine della stagione regolare però la Virtus (in attesa della decisione del Tribunale sul ricorso contro i 7 punti di penalizzazione, ndr) non è più arbitro del proprio destino. Con 3 punti di svantaggio nei confronti del trio composto da Modena, Salernitana e Latina (una si salva direttamente e le altre 2 vanno ai play-out, ndr), i rossoneri sono obbligati a vincere con la Ternana, non perdere con il Livorno all'ultima e sperare che almeno una delle 3 non collezioni più di 3 punti (a parità di punteggio gli abruzzesi sono avanti negli scontri diretti, ndr). Da questo punto di vista proprio il Pescara, che nell'ultimo match ha maltrattato 4-0 i frentani, potrebbe essere un alleato importante. Sulla strada dei biancazzurri, lanciatissimi per conquistare il miglior piazzamento possibile nella griglia play-off, ci sono infatti latina e Modena. E proprio sui canarini i rossoneri dovranno ingaggiare un duello a distanza, considerando il calendario tutt'altro che facile dell'undici allenato da Cristiano Bergodi che dopo il Pescara sarà atteso dalla difficile trasferta di Novara. Decisamente più facile il cammino della Salernitana che dopo Cagliari (matematicamente in Serie A e da diverse settimane vittima di continui cali di tensione, ndr) ospiterà all'ultima il già retrocesso Como. Qualche difficoltà in più per il Latina che dopo il match casalingo con il Vicenza sarà ospite all'Adriatico del Pescara.

Andrea Sacchini