BASKET

Basket. La Proger Chieti chiude la stagione perdendo 82-61 a Bologna

Sconfitta ingiusta ma teatini troppo imprecisi dalla distanza (5/25)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

26

Basket. La Proger Chieti chiude la stagione perdendo 82-61 a Bologna




BOLOGNA. Le Furie si congedano da questo campionato con una sconfitta senz’altro indolore.

Al PalaDozza, tempio del basket italiano, il finale di 82-61 è oltremodo ingiusto nei confronti dei teatini ma i tanti tentativi non andati a segno dalla lunga distanza (5/25) non avrebbero potuto far presagire un finale differente. Hic sunt leones recita la storiografia romana e massima più calzante di questa non potrebbe esserci per descrivere la grinta e l’intensità dei padroni di casa che dopo soli quattro minuti raggiungono già la doppia cifra di vantaggio ma il grande cuore biancorosso, vero e proprio leitmotiv di questa stagione, porta gli uomini di coach Galli a rifarsi sotto e grazie ad un buon finale di quarto coronato da tanta attenzione difensiva ed un parziale di 5-0, la prima frazione si attesta sul 18-12 per i felsinei. Pronti via e le maggiori motivazioni dei bolognesi che in caso di vittoria e di conseguente sconfitta di Trieste a Roseto sarebbero arrivati sesti , scavalcando in classifica proprio i giuliani, spinge la compagine guidata da coach Boniciolli a mettere il piede sull’acceleratore e a raddoppiare il margine di vantaggio alla pausa lunga (38-26). Le Furie, nonostante il crescente divario, continuano a disputare la loro onestà partita, penalizzati dalla scarsa precisione dalla lunga distanza che per i primi venti minuti porta Monaldi&co a scrivere un più che negativo 0/13. Alla ripresa delle ostilità, i biancorossi cercano caparbiamente di colmare il gap nei confronti dei bolognesi ma i padroni di casa, grazie alla fisicità di Daniel, all’esperienza di Amoroso e all’intelligenza tattica di un sempreverde Marco Carraretto, riescono senza troppi timori a reggere l’assalto delle Furie e a contrattaccare più che efficacemente la retroguardia dei teatini, riuscendo a concludere la terza frazione sul 60-45.

Nell’ultimo periodo Bologna, animata da una sete di vittoria che questa sera appare inestinguibile, continua a macinare gioco e punti, iniziando un vero e proprio bombardamento dalla lunga distanza, dove la classe dell’americano Flowers brilla non solo per le sue doti di ruba palloni ma anche grazie ad un più che discreto 5/8 dal campo e un 100% a gioco fermo (2/2). Chieti però, nonostante la serata di gran spolvero degli emiliani, continua a fare la sua discreta partita, vedendo in Piccoli il suo miglior realizzatore (12 punti, con un 4/7 dal campo ed un 2/2 a cronometro fermo) ma comunque tutti gli effettivi disputano una buona prestazione e con un canestro allo scadere di Marchetti, figlio della voglia che hanno le giovani leve biancorosse di mettersi in mostra e di contribuire alla causa comune, cala il sipario su una più che positiva stagione delle Furie che nonostante i continui infortuni che hanno tediato il roster teatino, ha portato ad una più che tranquilla salvezza e ha visto i nostri ragazzi compiere vere e proprie imprese (si noti appunto la vittoria casalinga proprio contro Bologna o la vittoria esterna ai danni di Brescia, allora capolista). Per il futuro, non resta che attendere.

TABELLINO


ETERNEDILE BOLOGNA: DANIEL 16, CANDI 9, MONTANO 5, AMOROSO 16, FLOWERS 15, QUAGLIA 2, CAMPOGRANDE, SORRENTINO 4, CARRARETTO 11, ITALIANO 4, ROVATTI.
PROGER CHIETI:ALLEGRETTI 8, SERGIO 8, PICCOLI 12, MONADI 9, ARMWOOD 11, PIAZZA 4, MARCHETTI 2, SIPALA, VEDOVATO 7, DE MARTINO.