IL CAMPIONATO

Serie B. Oddo scuote il suo Pescara: «mai più brutte figure». Lanciano oggi a Crotone

I frentani allo Scida senza Di Francesco. Maragliulo pensa a Vastola

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

49

Serie B. Oddo scuote il suo Pescara: «mai più brutte figure». Lanciano oggi a Crotone




ABRUZZO. Vigilia di campionato atipica per il Pescara. In attesa della decisione del TAR sulla richiesta di blocco del cda della Pescara calcio da parte dell'ex Ad Danilo Iannascoli (novità forse la prossima settimana dopo il rinvio di ieri, ndr), la squadra di Oddo prepara il match interno di domani col Como. Inutile sottolineare l'importanza della posta in palio per il Delfino, che perde da 5 partite di fila ed è vittima soprattutto di una involuzione tecnica, tattica e fisica da ormai 9 gare.

Nella consueta conferenza stampa della vigilia il tecnico Massimo Oddo ha scosso almeno con le parole i suoi, con la promessa di non rivedere più il brutto Pescara di Terni: «sarà una partita completamente diversa rispetto quella vista in casa della Ternana. Dovrà esserci equilibrio ma non dovrà assolutamente mancare il coraggio. Deve essere la nostra caratteristica principale e non possiamo fare a meno di quella che è la nostra forza».

«Il Como è una squadra in salute» – prosegue Oddo focalizzando l'attenzione sull'avversario di domani – ma non farà una partita d'attacco. Dobbiamo partire forte. Il futuro? Ci sono tanti punti ancora a disposizione e tutto è ancora possibile».

Sull'emergenza in difesa: «abbiamo tanti indisponibili. Dal primo minuto ci saranno Mandragora e Campagnaro al centro della difesa. Zuparic andrà in panchina mentre Vitturini e Fornasier li vedo bene dal primo minuto. Uno tra Cocco e Cappelluzzo andrà in tribuna perché non posso portare doppioni in panchina. Il portiere? Aresti è confermato...».


IL LANCIANO TENTA LA SORPRESA QUESTA SERA A CROTONE


In casa Virtus Lanciano invece è tempo di calcio giocato. Questa sera i frentani infatti saranno impegnati nell'anticipo di campionato a Crotone. Il match, sulla carta proibitivo, rappresenterà comunque un banco di prova importante per i rossoneri, chiamati alla prova del riscatto dopo il brutto ko interno di sabato col Perugia. Qualche problema di formazione per mister Maragliulo che ha dovuto lasciare in Abruzzo gli infortunati Boldor, Di Benedetto e soprattutto Salviato e Di Francesco. Assenza pesantissima soprattutto quella dell'esterno d'attacco ex Pescara, che dopo 2 mesi di prestazioni incredibili aveva anche ricevuto la gioia della prima convocazione in Under 21.

Maragliulo dovrebbe presentare un 4-3-2-1 con Aquilanti, Rigione, Amenta e Aquilanti a protezione della porta di Cragno (rientrato dopo gli impegni con l'Under 21, ndr). A centrocampo Vitale, Bacinovic e Rocca partono in vantaggio su Giandonato e Milinkovic mentre in attacco Ferrari dovrebbe essere supportato da Vastola e Marilungo. Qualche chance di vedere dall'inizio Bonazzoli anche perché Marilungo in settimana ha subito qualche acciacco fisico.

Nel Crotone mister Juric darà fiducia a grandi linee allo stesso undici che da mesi sta dominando in cadetteria con il tridente d'attacco formato da Palladino e Ricci ai lati di Budimir. Dal primo minuto sulle ali di centrocampo Zampano e Martella.

Convocati i portieri Aridità, Casadei e Cragno; i difensori Amenta, Aquilanti, Di Filippo, Di Nicola, Di Matteo, Grozdic e Rigione; i centrocampisti Bacinovic, Giandonato, Milinkovic, Rocca, Vastola e Vitale; gli attaccanti Bonazzoli, Ferrari, Marilungo, Padovan e Turchi.

Juric ha invece convocato Cordaz, Stoian, Claiton, Cremonesi, Ricci, Balasa, Di Roberto, De Giorgio, Torromino, Maniero, Palladino, Budimir, Barberis, Salzano, Galli, Festa, Martella, Sabbione, Zampano, Capezzi, Delgado e Garcia Tena. Indisponibili gli infortunati Fazzi, Modesto, Paro, Yao e lo squalificato Ferrari.

Fischio d'inizio questa sera (venerdì, ndr) alle ore 20,30 allo stadio Scida di Crotone.


Andrea Sacchini