IL CAMPIONATO

Serie B. Il Pescara dura mezz'ora, poi è un disastro. La Pro Vercelli dilaga 5-2

Due buone occasioni per il Delfino poi il nulla assoluto. Perso il terzo posto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

153

Serie B. Il Pescara dura mezz'ora, poi è un disastro. La Pro Vercelli dilaga 5-2


VERCELLI. Il Pescara di Oddo dura soltanto mezz'ora poi crolla sotto i colpi di una Pro Vercelli fino ad oggi peggior attacco della Serie B. 5-2 il finale al termine di una prestazione imbarazzante del Delfino, che dopo essere andato vicino al vantaggio in 2 occasioni ha poi ceduto il passo grazie alle oramai consuete amnesie difensive individuali e di reparto.

Avvio di gara di marca pescarese. Al secondo minuto girata di Cocco che termina di poco a lato. Dopo un tentativo infelice su calcio piazzato di Memushaj, al 23' Benali di testa tutto libero in area di rigore esalta i riflessi di Pigliacelli. Al minuto 27 è il turno di Caprari che dal limite da buona posizione sfiora il palo a portiere battuto.

La Pro Vercelli, come l'Ascoli e il Trapani nelle giornate precedenti, intuisce che i biancazzurri vanno in difficoltà se pressati alti. Al primo affondo i piemontesi passano sulla prima dormita di giornata del pacchetto arretrato adriatico.

Prima Germano sfiora il bersaglio da fuori, poi al minuto 37 ecco il gol del vantaggio. Sugli sviluppi di un corner Coly è il più lesto di tutti in beata solitudine ad insaccare la sfera: 1-0.

Per il Pescara inizia un calvario fino al minuto 90. Due minuti dopo il raddoppio. Colpo di testa di Malonga, errore di Fiorillo che respinge corto e secondo tentativo vincente dell'ex Torino e Cesena. Prima del riposo il Delfino resta anche in 10 per fallo netto di Zampano su Malonga lanciato a rete.

Nella ripresa la Pro sfiora il 3-0 con Malonga (parata decisiva di Fiorillo, ndr) poi Torreira realizza il gol dell'illusorio 2-1 di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

Neanche 120 secondi dopo il tentativo abbozzato di rimonta del Delfino viene frustrato dal 3-1 piemontese: Selasi non allontana il pallone e Scavone dal limite beffa Fiorillo.

Al 14' retropassaggio folle di Mazzotta per Fiorillo, Beretta intuisce tutto e sigla il 4-1.

Nel finale c'è tempo per la seconda marcatura del Pescara (Benali, ndr) e addirittura per il 5-2 definitivo di Scavone.


PRO VERCELLI-PESCARA 5-2 (primo tempo 2-0)


MARCATORI: 37'pt Coly (Ve); 39'pt Malonga (Ve); 8'st Torreira (Pe); 10'st e 35'st Scavone (Ve); 14'st Beretta; 31'st Benali (Pe).

PRO VERCELLI (3-5-2): Pigliacelli; Legati, Budel, Coly; Germano, Rossi, Scavone, Emmanuello (24'st Ardizzone); Beretta (36'st Marchi), Malonga (25'st Mustacchio). A disposizione: Melgrati, Berra, Redolfi, Sprocati, Filippini, Forte. Allenatore: Foscarini.

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo; Zampano, Fornasier, Zuparic, Mazzotta (31'st Bruno); Memushaj, Torreira (11'st Acosta), Selasi (11'st Vitturini); Caprari, Benali; Cocco. A disposizione: Aresti, Verde, Pasquato, Mandragora, Mitrita, Cappelluzzo. Allenatore: Oddo.

ARBITRO: Valerio Marini della sezione di Roma 1 (Cangiano-Dei Giudici).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 2mila spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti: Legati, Rossi, Coly. Espulso: 44'st Zampano (Pe). Recupero: 0'pt; 3'st.


Andrea Sacchini