CALCIO

Serie B. Rimpianti, espulsioni e rigori sbagliati. Salernitana-Pescara finisce 2-2

Lapadula e Verde ribaltano il vantaggio di Coda. Nel finale il sigillo dell'ex Donnarumma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

158

Serie B. Rimpianti, espulsioni e rigori sbagliati. Salernitana-Pescara finisce 2-2

PESCARA. Non sono mancate le sorprese tra Pescara e Salernitata ma alla fine tra rigori (uno sbagliato), espulsioni e gol è soltanto 2-2.


 Rimpianti per l'undici di Oddo, condannato al pareggio da ingenuità soprattutto difensive.

In avvio subito gara giocata ad altissimi ritmi. Buon agonismo da parte della Salernitana e Pescara subito al comando delle operazioni con tocchi di prima, rapida circolazione della sfera e continui cambi di campo.

Esaurita la spinta iniziale degli abruzzesi, che hanno cinto d'assedio i padroni di casa pur senza costruire nitide palle gol, col passare dei minuti è la Salernitana a farsi preferire nel palleggio e nella ricerca della profondità.

All'undicesimo prima occasione della partita. Sbaglia tutto in fase di disimpegno Benali, ne approfitta Coda che però da posizione decentrata non inquadra lo specchio della porta.

Il Pescara non sembra nella sua giornata migliore e al 17esimo ecco l'episodio (negativo) che cambia l'inerzia del match. Donnarumma, con la complicità della retroguardia abruzzese, controlla un pallone in area e al momento del dunque viene steso da Fiorillo. Calcio di rigore netto trasformato da Coda per l'1-0 salernitano.

Nonostante il vantaggio è sempre la Salernitana a rendersi pericolosa. Al 21esimo Zito da fuori con una deviazione manda di poco sul fondo.

La reazione del Pescara non è veemente, ma alla prima accelerazione ecco il pareggio. Imbucata profonda di Caprari per Lapadula che in un fazzoletto si libera di 2 difensori e a tu per tu con Terracciano non sbaglia.

La partita resta vivacissima e al minuto 27 Salernitana ad un passo dal nuovo vantaggio. Palla per Coda che all'altezza del vertice dell'area colpisce soltanto l'esterno della rete.

Al 32esimo calcio di punizione dal limite di Zito e respinta in corner di Fiorillo.

Un minuto dopo gigantesca occasione per il 2-1 del Pescara. Lancio per Lapadula che tutto solo davanti a Terracciano questa volta si lascia ipnotizzare dal portiere. Sulla respinta l'occasione sfuma senza che nessun biancazzurro corra in soccorso dell'ex Teramo.

Finale di frazione in apnea per gli ospiti, pasticcioni dietro e incapaci di uscire palla al piede dalla propria metà campo. Poi al 43esimo è un episodio fortunoso ad allentare la pressione della Salernitana. Follia di Zito che a centrocampo abbatte Memushaj con un brutto intervento. Per Aureliano è rosso diretto.

Nella ripresa dentro Verde e fuori Mandragora con i biancazzurri tutti protesi in avanti a caccia del 2-1. Al sesto minuto Memushaj al momento del dunque viene contrato da un difensore granata.

Due minuti dopo rasoiata dal limite di Caprari che sfiora il palo a Terracciano battuto.

Al 17esimo sciocchezza di Caprari che in azione d'attacco rimedia il secondo giallo di giornata. Pescara in 10 e parità numerica ristabilita.

Al 27esimo il vantaggio del Pescara. Straordinario Lapadula che sradica un pallone dai piedi di un avversario e serve nel mezzo un cioccolatino per Verde che insacca.

Pronti via e subito l'occasionissima per il 2-2 salernitano. Fallo di mani in area di Zuparic e calcio di rigore per i padroni di casa. Dal dischetto Coda si fa ipnotizzare da Fiorillo.

Dopo un gol fallito da Lapadula, il pareggio è soltanto rimandato. Al 40esimo l'ennesimo svarione difensivo consente a Donnarumma tutto solo in area di depositare nel sacco un cross preciso di un compagno.


SALERNITANA-PESCARA 2-2 (primo tempo 1-1)

MARCATORI: 17'pt Coda (Sa) su calcio di rigore; 25'pt Lapadula (Pe); 25'st Verde (Pe); 40'st Donnarumma (Sa).

SALERNITANA (4-3-1-2): Terracciano; Ceccarelli, Bernardini, Empereur, Franco; Odjer (22'st Moro), Pestrin, Zito; Oikonomidis (5'st Gatto); Donnarumma (45'st Bus), Coda. A disposizione: Strakosha, Trevisan, Colombo, Bagadur, Ronaldo, Bovo. Allenatore: Menichini.

PESCARA (4-3-2-1): Fiorillo; Zampano, Fornasier, Zuparic, Mazzotta (38'st Coda); Verre, Mandragora (5'st Verde), Memushaj; Benali (22'st Pasquato), Caprari; Lapadula. A disposizione: Aresti, Bruno, Cocco, Torreira, Vitturini, Mitrita. Allenatore: Oddo.

ARBITRO: Gianluca Aureliano della sezione di Bologna (Avellano-Raspollini).

NOTE: Presenti sugli spalti circa 15mila spettatori senza tifosi ospiti. Al 27'st Fiorillo (Pe) ha parato un calcio di rigore a Coda. Ammoniti: Fiorillo, Caprari, Mandragora, Zuparic. Espulsi: 43'pt Zito (Sa); 17'st Caprari (Pe); 48'st Empereur (Sa). Recupero: 2'pt; 4'st.

Andrea Sacchini